Gli effetti della psicosi del coronavirus

È psicosi da coronavirus. Esiste davvero l’isteria di massa da coronavirus? Sembrerebbe proprio di sì: ecco come nasce la psicosi da coronavirus.

Si chiamerebbe «isteria di massa da coronavirus», ma il termine porta in sé qualcosa di sgradito ed allarmante, per cui è stato proposto di chiamarla con termini meno negativi, come ansia di massa da coronavirus, caratterizzata da attacco di sintomi multipli ed inspiegabili.

Da quando, in Italia si è diffusa la notizia del primo caso ufficiale di coronavirus arrivano segnalazioni di casi sospetti dappertutto.

Purtroppo, come già ricordato più volte, più del virus, a fare paura è la stupidità di chi mette in giro false informazioni, soprattutto su WhatsApp, e di chi non si attiene alle semplici regole per evitare il contagio e si rifiuta di collaborare con le autorità.

Questi fenomeni di isteria di massa tendono a riflettere alcuni aspetti culturali della società nella quale viviamo.

Con la televisione o tramite smartphone siamo continuamente esposti visivamente alle persone già colpite e questo contribuisce ad innalzare il livello dello stato di eccitazione generale. Effetto della psicosi da coronavirus è che bar, ristoranti, alberghi in Italia sono in ginocchio.

Il Pil, prodotto interno lordo, diminuisce al diminuire del turismo nel Bel Paese e lo stato di benessere economico della nazione diminuisce. La gente è impazzita. Solo a Roma si conta che “Perdiamo tre milioni di euro al giorno”. Albergatori in lacrime: “Così dovremo licenziare”. Non si morirà per il coronavirus ma dalla fame creata dal Coronavirus.

Ed intanto le strade sono deserte e continuano gli assalti ai supermercati e  la psicosi del coronavirus, con tutti gli effetti che, prima venivano definiti solo “potenziali”, diventano reali ed influenzano negativamente un ecosistema economico italiano già fragile e  basato essenzialmente sul turismo.

Per vincere la psicosi dobbiamo conoscere il nemico. Cosa è la COVID-19?

È la malattia provocata dal nuovo Coronavirus. “COVID-19” (dove “CO” sta per corona, “VI” per virus, “D” per disease e “19” indica l’anno in cui si è manifestata.

Quanto è pericoloso il nuovo virus?

Come altre malattie respiratorie, l’infezione da nuovo coronavirus può causare sintomi lievi come raffreddore, mal di gola, tosse e febbre, oppure sintomi più severi quali polmonite e difficoltà respiratorie. Raramente può essere fatale. Generalmente i sintomi sono lievi ed a inizio lento. Alcune persone si infettano ma non sviluppano sintomi né malessere.

La maggior parte delle persone (circa l’80%) guarisce dalla malattia senza bisogno di cure speciali.  Solo 1 persona su 6 con COVID-19 si ammala gravemente e sviluppa difficoltà respiratorie.

Le persone più suscettibili alle forme gravi sono gli anziani e quelle con malattie pre-esistenti, quali diabete e malattie cardiache. Al momento il tasso di mortalità è basso ed è di circa il 2,2% (Fonte OMS).

La malattia si comporta esattamente come la banale influenza e nella stragrande maggioranza dei casi è paucisintomatica, si risolve in 3-4 giorni senza esiti. Non tutti coloro che hanno sintomatologia influenzale banale devono fare il tampone, poiché è inutile sapere di essere positivi, se non si verifica dispnea, certamente però è utile indossare una mascherina di quelle semplici se si è a contatto con persone anziane o fragili.

L’imperativo categorico dev’essere tutelare gli anziani e seguire il vademecum diffuso dal Ministero della Salute sulle norme igieniche e comportamentali.

Trovo assolutamente spropositato il comportamento di molti media e leoni da tastiera che in questi giorni stanno alimentando il panico nella popolazione, mi auguro che i politici ascoltino di più il personale sanitario senza strumentalizzare la situazione.

Ricordo a tutti che la psicosi da virus letale non aiuta nessuno.

Punto Salute News è il blog del dottor Andrea Re. È possibile interagire con lui attraverso la sua pagina Facebook.

Giornata contro l’omotransfobia, il corteo a Trapani

Iniziativa di Arcigay Trapani Shorùq
Il vicesindaco Tumbarello: “Situazione sbloccata. Collaudo di alcuni tratti e operatività della condotta entro giugno”
In Sicilia è almeno il triplo rispetto a quello di altre parti d’Italia
Cerimonia in piazza Falcone Borsellino con il coinvolgimento degli studenti

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Il deputato regionale sulla decisione della Regione che ha accolto la richiesta dell’amministrazione comunale
Rubati un tablet, un televisore e una macchinetta del caffe
I dati illustrati in un incontro promosso dall'amministrazione comunale di Erice