“Giornate di Primavera” FAI, cosa visitare a Trapani

Un percorso dedicato alle testimonianze del Liberty in città

Tornano oggi e domani, 23 e 24 marzo, le “Giornate di Primavera” promosse dal FAI, un’occasione per scoprire e visitare monumenti e luoghi solitamente non accessibili al pubblico e sostenere, in diversi casi, il loro recupero.

Sono 400 le città di tutta Italia che aderiscono alla manifestazione, giunta quest’anno alla 32esima edizione, che invita gli italiani a scoprire e a prendere coscienza della ricchezza culturale del Paese. Oltre 750 i uoghi eccezionalmente aperti dai volontari del FAI come ville, chiese, palazzi storici, castelli, musei e aree archeologiche, edifici di archeologia industriale, collezioni d’arte, biblioteche, edifici civili e militari, luoghi di lavoro e laboratori artigiani, e poi parchi, aree naturalistiche, giardini e borghi.

A Trapani i volontari proporranno un percorso su alcuni esempi del Liberty in città come il Palazzo delle Poste, prima tappa dell’itinerario, accessibile normalmente ai cittadini come ufficio, che per l’occasione potrà essere apprezzato nei suoi ambienti interni;
Aperta al pubblico anche Villa Aula, di proprietà privata e pertanto non accessibile solitamente ai cittadini. Sarà poi possibile visitare siti come la Casina delle Palme, un tempo cafè chantant e luogo di ritrovo per il tempo libero e ammirare la pregevole facciata di Casa Occhipinti.

I beni individuati – realizzati da architetti e ingegneri del calibro di Francesco La Grassa e Giuseppe Manzo – sono accomunati dall’impiego, nella loro costruzione, di vari materiali (come il ferro battuto, il vetro e le mattonelle policrome), dalla valenza simbolica degli elementi decorativi, dalla ricorrenza dei motivi floreali, geometrici e sinusoidali e da un principio di unità delle arti.

Si trovano quasi tutti nel centro storico di Trapani, in un’area che si estende indicativamente tra la piazza Vittorio Veneto e la zona portuale, ad eccezione di “Villa Aula”, ubicata in una traversa della via Fardella.
Di seguito gli indirizzi esatti:
Palazzo delle Poste – piazza Vittorio Veneto, 10; Villa Aula – via Vito Sorba, 15; Casina delle Palme – piazza Locatelli, 10; Prospetto di Palazzo Occhipinti – via Ammiraglio Staiti, 23 (di fronte al Terminal aliscafi).

Le visite, come sempre, saranno guidate da studenti “apprendisti ciceroni” delle scuole che hanno aderito all’iniziativa: l’I.C. “Nunzio Nasi”,  ill Liceo “Fardella-Ximenes”, l’I.C. “Ciaccio Montalto”, l’I.I.S. “Sciascia e Bufalino” e l’I.I.S. “Ignazio e Vincenzo Florio”.

Il verde pubblico a Trapani non è coltura ma… Cultura [REPORTAGE]

Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi