Giornata internazionale della donna: il Luglio Musicale porta in scena lo spettacolo di danza “La quinta stagione”

La MoNo Dance Company torna in scena con la coreografia ispirata al mondo della donna

Uno spettacolo di danza contemporanea per la Giornata Internazionale della donna: è così che il Luglio Musicale Trapanese aderisce alle iniziative dell’8 marzo, portando in scena, dopo il successo ottenuto durante la scorsa Stagione estiva, il balletto in due atti “La quinta stagione”, con la coreografia ideata da Monica Montanti e Damiano Artale per la Mono Dance Company. Sarà il Cine Teatro Ariston ad ospitare lo spettacolo martedì 8 marzo alle ore 21.

In un contesto internazionale – reso ancora più complicato dagli ultimi agghiaccianti sviluppi della guerra in Ucraina – in cui i diritti della donna hanno ancora la necessità di essere ribaditi e affermati, è il mondo dell’arte che si assume il ruolo di sottolineare queste lacune civili con il suo linguaggio. La quinta Stagione trova quindi un’ulteriore occasione nella Giornata internazionale della donna per portare in scena la voglia di rinascita e la necessità di resilienza dalle quali nasce il progetto dei coreografi Montanti e Artale (che curano anche regia, drammaturgia e luci dello spettacolo) che si propongono di esplorare il complesso mondo della donna: la quotidianità, le emozioni, le problematiche della condizione femminile sono infatti rappresentate dal rapido susseguirsi delle stagioni.

La primavera sarà dunque la giovinezza e la spensierata euforia alla quale fa seguito l’estate, ovvero la scoperta dell’amore, caldo e vibrante. Poi l’autunno, con le sue malinconie, metafora della difficoltà di vivere e della violenza fin troppo spesso subita dalle donne. Ineludibile conseguenza è quindi la maturità e la consapevolezza, associata all’inverno. Quello che può sembrare un epilogo non è altro che un momento che porta ad una quinta stagione: una nuova possibile rinascita che riscatti l’esistenza vissuta.
In scena cinque danzatori: Filippo Ferrari, Giorgia Bevilacqua, Asja Marabotti, Monica Noto e Lucrezia Silvestri che danzeranno sulle musiche di Antonio Vivaldi e Arcangelo Corelli.

I biglietti hanno un costo di 12 euro (intero), 8 euro ridotto per under 24 e di 5 euro per gli allievi delle scuole di danza. La vendita è online sulla piattaforma Biglietto Veloce nella sezione eventi (https://bit.ly/3Ke1HnQ) e presso il botteghino di Villa Margherita (tel. 0923.29290), aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14, il sabato dalle 8.30 alle 12 e nei pomeriggi di lunedì e giovedì dalle 15 alle 19. Sarà possibile acquistare i biglietti la sera dell’8 marzo presso il Cine Teatro Ariston dalle 19.30 e sino a trenta minuti prima dell’inizio dello spettacolo. Sempre martedì 8 marzo il Botteghino di Villa Margherita sarà straordinariamente aperto anche dalle 15 alle 19.

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Ha lo scopo di far incontrare e interagire operatori del settore turistico locale
Aldo Caradonna aveva ricevuto un avviso di garanzia in relazione alle Amministrative del 2022
L’iniziativa mira a rendere accessibile il patrimonio artistico e archeologico a tutti i cittadini
Gli aiuti della Regione, a fondo perduto, sono rivolti alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche
"Le nuove prescrizioni al progetto vanno nella direzione delle criticità che avevamo denunciato"
"Unica legge da applicare in caso di naufragi è quella del mare che impone soccorso e approdo in un porto sicuro"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Si è lavorato per inviare alla cabina di regia regionale le schede di interventi preparate dai Comuni
Il Fondo antico della Biblioteca civica Sebastiano Bagolino custodisce una preziosa raccolta di cinquecentine dei più famosi ed apprezzati tipografi del tempo