Giornata della Memoria: l’ITET Garibaldi presenta il progetto di educazione civica “Dietro le bugie della negazione della Shoah”

Durante le lezioni del 27 gennaio docenti di storia e diritto si confronteranno con gli alunni in merito alle correnti di pensiero negazioniste della veridicità del genocidio degli ebrei da parte della Germania nazista

Quest’anno l’ITET Garibaldi ha deciso di commemorare la Giornata della Memoria, aderendo all’iniziativa di Wikipedia, concentrandosi sugli aspetti del “negazionismo dell’Olocausto”.

Durante le prime due ore di educazione civica, i docenti di storia e diritto presenteranno agli alunni, di tutte le classi, il video della storica Deborah Lipstadt in merito alle motivazioni che la spinsero a intervenire contro lo storico negazionista inglese David Irving.

Inoltre, partendo dal video e dal rapporto Eurispes/2020 dal quale si evince che il 15% degli italiani nega la Shoah, i docenti di storia parleranno della corrente di pensiero antistorica e antiscientifica, il cui principale assunto è la negazione della veridicità del genocidio degli ebrei da parte della Germania nazista.

I docenti di diritto, invece, si soffermeranno sulla legge 115 del 2016 che ha attribuito rilevanza penale alle affermazioni negazioniste sulla Shoah, dei fatti di genocidio, dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra, come definiti rispettivamente dagli articoli 6, 7 e 8 dello statuto di Roma, istitutivo della Corte penale internazionale.