Gibellina: completato il recupero delle nove installazioni en plein air [FOTO]

Dopo aver riaperto a luglio scorso il MAC, Museo d’arte contemporanea Ludovico Corrao, l’Amministrazione comunale di Gibellina ha avviato un progetto di recupero delle sculture e installazioni che punteggiano il nuovo centro abitato

Uno dei più grandi esempi di museo en plein air: Gibellina è memoria, arte, comunità. Il sisma che devastò il Belìce nel 1968, distrusse un territorio, la topografia, la mappa dei borghi abitati e nulla fu poi come prima. Però gli artisti accorsero nel Belìce e Gibellina ritrovò un’anima, diversa. nel segno della bellezza. Oltre ad aver riaperto a luglio scorso il MAC, Museo d’arte contemporanea Ludovico Corrao, l’Amministrazione comunale di Gibellina ha avviato un ampio progetto di recupero delle sculture e installazioni che punteggiano il nuovo centro abitato.

Gibellina adesso è pronta a mostrare il suo nuovo – e ritrovato – volto artistico: recuperata “Senza titolo”, opera del 1999 di Nino Mustica in vetroresina, che mostrava spaccature e lesioni; la “Ragnatela” di Arnaldo Pomodoro, elemento di scena in vetroresina anch’essa lesionata: ambedue, perfettamente restaurate, sono nello spazio antistante il MAC; e di Pomodoro è anche “Aratro per Didone”, altro elemento di scena in rame, ferro e tufo, realizzato nel 1986, che necessitava di un intervento. Completata la pulizia e ripristinata la “Macchina per ascoltare il vento” di Giovanni Albanese (1989), in rame, ferro, acciaio e vetro, ricollocata su una nuova base in pietra arenaria.

In piazza 15 Gennaio 1968 è stata restaurato ”Omaggio a Tommaso Campanella”, opera del 1987 di Mimmo Rotella, ripristinando gli elementi cromatici quasi del tutto scomparsi. Infine è stata ripulita la “Scultura sdraiata”, in ferro, di Salvatore Cuschera, riposizionata sulla base originaria in pietra arenaria.

Già nel 2020, con i fondi comunali, erano stati recuperati e ripitturati anche gli elementi in ferro della “Citta di Tebe”, realizzata da Pietro Consagra come grande elemento scenografico per l’Oedipus Rex di Jean Cocteau, sulle musiche di Igor Stravinskij, portato in scena nel 1988 sui ruderi di Gibellina Vecchia. Sedici elementi plastici in ferro bianco monocromo che simbolicamente rappresentano i grandi oracoli posti a vegliare sulla città di Tebe. Recuperata e saldata nelle sue lesioni, la “Doppia Spirale” in ferro monocromo di Paolo Schiavocampo (1987), sistemata nel cuore del tessuto urbano di Gibellina in un dialogo armonioso con l’architettura de “Il Giardino segreto” di Francesco Venezia (1992) e le architetture delle abitazioni private. E da lontano, con le “Tensioni” di Salvatore Messina (1979) anch’essa recuperata da ruggine e lesioni.

“Crediamo che il patrimonio artistico sia fondamentale per lo sviluppo della città – interviene il sindaco di Gibellina, Salvatore Sutera – per questi interventi abbiamo utilizzato fondi comunali ma è necessario che le istituzioni regionali e nazionali ci aiutino e non ci lascino soli per i prossimi restauri necessari sulle opere”.

“Stiamo curando il patrimonio artistico di Gibellina – dichiara l’assessore comunale alla Cultura, Tanino Bonifacio – per restituirlo alle future generazioni come valore culturale, artistico, morale ed economico”. Con il contributo di Cantine Ermes Tenute Orestiadi – che già nel 2018 avevano collaborato al recupero dell’opera musiva “Natura morta” di Gino Severini – era stata restaurata “La freccia indica l’ombra di una freccia” di Emilio Isgrò. Con il lavoro della ditta Vito Evola di Alcamo si è intervenuti su ”Impronta” di Turi Simeti (1979).

Trapani, “tantu nenti e tantu assai” tra lirica di tradizione e cibo d’attrazione [EDITORIALE]

Mai accaduto prima, una fiera di piazza ed una "prima" a teatro potrebbero causare qualche inconveniente, soprattutto politico
Mai accaduto prima, una fiera di piazza ed una "prima" a teatro potrebbero causare qualche inconveniente, soprattutto politico
I rifiuti erano ammassati su una parte di un terreno in contrada Ciappola
Si tratta di una donna di origine venezuelana, rintracciata in un hotel a Mazara del Vallo
Ottenuto un finanziamento di 30.000 per attività di controllo e prevenzione durante la stagione estiva
Nelle ultime due stagioni agonistiche ha militato nel Modena in Serie B
Da lunedì 15 a sabato 20 luglio San Vito Lo Capo accoglierà registi, autori, attori, appassionati e anche turisti che per cinque giorni potranno godere di diverse proiezioni
Un'estate tra jazz, Tiromancino, presentazione di libri, spettacoli teatrali e cibo
Il 30enne attaccante senegalese arriva da svincolato.
In occasione dell'anniversario della strage di via D'Amelio
Arriva da svincolato e ha sottoscritto un contratto biennale

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Iniziativa per la valorizzazione delle chiese appartenenti al Fondo Edifici per il Culto
Dal 14 al 30 luglio si terranno 10 diversi concerti, tutti con inizio alle 21:30 e a ingresso gratuito
La società mette a disposizione diversi alloggi nelle mete più ambite d'Italia
Il festival letterario che promuove le produzioni editoriali è giunto alla sua quarta edizione
Mentre si lavora per risolvere i guasti, installati due generatori mobili
Il restauro realizzato grazie alle somme del Fondo per l’edilizia di culto del Ministero dell’Interno