giovedì, Febbraio 29, 2024

Furto di cavi elettrici a Calatafimi, al buio parte del viadotto per Sasi

Interessato un tratto di circa 300 metri

Ladri in azione a Calatafimi Segesta dove sono stati asportati cavi elettrici dell’illuminazione pubblica.

A restare al buia, da oltre una settimana, un tratto di circa 300 metri del viadotto che collega il centro storico di Calatafimi Segesta con l’area urbana Sasi.
Dopo i rilievi tecnici gli uffici del Comune hanno constatato la mancanza dei cavi elettrici e hanno sporto denuncia.

L’entità del danno non è stata ancora quantificarlo in maniera esatta.
Dal Comune fanno sapere che non sarà possibile procedere subito a ripristinare l’illuminazione nel tratto interessato perché devono essere reperiti i fondi necessari.

Imolese-Trapani 1-2, la risolve Bolcano al 96’

I granata si aggiudicano la prima delle due sfide di Coppa Italia
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera
Un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittadina
Con le donne migranti del centro SAI e l'associazione Il Mulino

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Si tratta di sistemi di ancoraggio e relitti potenzialmente pericolosi per ecosistema e bagnanti
Per verificare eventuale presenza di glifosato, pesticidi e altre sostanze nocive oltre i limiti di legge
La Baroni Birra di Dattilo vince il Sicily ed Italy Food Awards. Ne parliamo con Luigi Di Via
L'iniziativa è organizzata insieme con Opificio Territoriale