Fuochi d’artificio detenuti illegalmente, i Carabinieri denunciano un 38enne a Mazara

Durante il controllo i Carabinieri hanno trovato anche 40mila euro nascosti in una stufa

I Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, supportati dai colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del 12° Reggimento Sicilia di Palermo hanno scoperto e sequestrato circa 20 chilogrammi di fuochi d’artificio, tre dei quali di categoria F4 e altri di categorie F2-F4-4^ e 5^, conservati all’interno di un garage nel pieno centro del quartiere di Mazara 2, appartenenti ad 38enne del posto, pregiudicato e conosciuto alla Forze dell’ordine.

Si tratta di fuochi d’artificio per i quali è necessaria una specifica autorizzazione, sia per la loro conservazione sia per l’utilizzo. L’uomo, invece, li custodiva in locali non idonei e in assenza di permessi, verosimilmente per venderli illegalmente al dettaglio.

Durante i controlli, in una delle abitazioni nella disponibilità dello stesso pregiudicato mazarese, è stata rinvenuta la somma di 40.000 euro, suddivisa in banconote da 50 euro nascoste in una stufa a gas.
Per questi motivi, il 38enne è stato denunciato alla Autorità giudiziaria poiché ritenuto responsabile dei reati di commercio abusivo e omessa denuncia di materie esplodenti.