“Franco e basta. Auci, per sempre” di Nicola Rinaudo [AUDIO]

Il ricordo nel dodicesimo anniversario della sua scomparsa. La proposta d’intitolare a Franco Auci una via cittadina che giriamo al Prefetto, ai sindaci di Trapani ed Erice e ai rispettivi consiglieri

di Nicola Rinaudo: Franco e basta. Auci, per sempre. Il maestro di giornalismo e l’inarrivabile storico. Il fine catalogatore e l’ironico poeta. Il suo testamento, non solo morale: la storia del Trapani. Opera, in due volumi, edita tra il 2005 e il 2006. Un canto unico, con la narrazione che diventa lirica; con quest’ultima che si trasforma in allegoria. Una sorta di “Divina Commedia” (perdonateci l’accostamento irriverente).

Al centro della scena il Trapani calcio, i granata, ma anche le donne, gli uomini, gli usi, i costumi, le tradizioni, i vizi, le virtù di una città, per certi versi unica nel suo genere, a cavallo di due secoli. Anzi, di due millenni. E ancora il diritto alla trapanesità. A quelle radici, maldestramente e improvvidamente estirpate da un inqualificabile “viandante”; un lacerante grido di dolore, ma anche un accorato invito al rispetto della dignità, condensato mirabilmente in uno scritto dedicato all’ex mercato del pesce “a Chiazza”. Simbolo, appunto, di una trapanesità perduta.

Dodici anni fa, in una tiepida mattina d’inizio primavera, il 27 marzo del 2009, all’età di 67 anni, ci lasciava improvvisamente il più grande cronista sportivo – non ce ne vogliano gli altri – che questa città abbia mai potuto annoverare. È come se si fosse spenta una luce. Così, almeno, sembrava in principio. Ma, invece, si è acceso un faro. Perpetuo. Capace d’illuminare e stupirci. Ogni giorno.

Grazie anche all’intuizione della sorella Ina d’istituire il premio letterario “Franco Auci”, rivolto agli studenti delle scuole trapanesi, con l’obiettivo di diffondere tra i giovani la conoscenza del personaggio. E che personaggio! Al di là delle banalità, oggi, possiamo affermare con orgoglio e fierezza d’avere avuto la fortuna di conoscere un uomo che, con leggerezza d’animo e profondità di pensiero, ci ha rendicontato, per una vita, dell’eterno conflitto, in questa città, fra ricchi e poveri; fra padroni e sudditi. Proprio Lui, nemico dei compromessi e amico dei più deboli, ci ha condotto per mano nel ventre di una Trapani, a volte, inedita. In un viaggio oggettivo; tra ferite profonde, mai completamente rimarginate, e paradossi ingombranti. Ma capace, magicamente, di ricompattarsi, annullando ogni differenza sociale, sotto un’unica bandiera: quella granata. Miracoli dello sport.

Di fronte a cotanta grazia, come hanno risposto i trapanesi? I suoi concittadini? Come sempre, in maniera inadeguata. Solo l’intitolazione, poco dopo la sua scomparsa, della sala stampa dello stadio “Provinciale”. Poco, davvero troppo poco, per potere pensare d’estinguere il debito di riconoscenza nei confronti di un uomo che ha amato persone e cose del suo luogo natìo come pochi.

Ecco, allora, l’idea, neanche tanto originale, d’intitolare a Franco Auci una via cittadina. Proposta che giriamo al Prefetto, ai sindaci di Trapani ed Erice e ai rispettivi consiglieri. Dimostrate, egregi signori, rappresentanti delle istituzioni, di non stare lì, ai vostri posti, solo perché vi ci ha mandato qualcuno. Vi chiediamo solo di fare il vostro mestiere.

“Se c’è chi ne coltiva il ricordo una persona non muore mai”. Ecco perché, caro Franco, ci piace credere che, come ieri, come oggi, come domani, sarai sempre con noi. Anche se, ad onor del vero, non ti si vede in giro da un pezzo.

Le borse di studio al Polo Universitario di Trapani, i dettagli [AUDIO]

Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
L'inizio della sua collaborazione con la squadra di calcio cittadina risale al 1975
L'organismo ha lo scopo di effettuare un monitoraggio congiunto e una valutazione complessiva degli interventi
Il sindaco Forgione: "Bloccate risorse per importanti opere"
Un'altra divertente intervista al talentuoso "trumpet player" trapanese, che ha fatto breccia anche nel mondo dei Griffin
Si spazierà tra proposte differenti che vadano incontro a pubblici diversi, tra teatro, musica e danza