Formazione: assolte a Trapani 5 persone accusate di maxitruffa

Assolto dal Tribunale di Trapani l’ex presidente dell’Anfe, Paolo Genco, accusato per una presunta maxi truffa al più importante ente di formazione professionale in Sicilia. Con lui – come riporta un lancio AGI – il giudice monocratico Massimo Corleo ha assolto anche altri quattro imputati “perchè il fatto non sussiste”.

Si tratta dell’imprenditore Baldassare Di Giovanni, Aloisia Miceli, Rosario Di Francesco e Tiziana Paola Monachella, responsabile dell’Anfe di Castelvetrano e compagna di Genco.
Nel corso della sua requisitoria, il pm Franco Belvisi aveva chiesto la condanna per tutti gli imputati.
L’inchiesta “Dirty training” della Guardia di Finanza aveva avuto inizio nel 2017 con l’arresto di Genco e altri e con il sequestro di 41 unità immobiliari dissequestrate dal Tribunale di Trapani.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
A Trapani confermato il già commissario straordinario Ferdinando Croce
Presteranno servizio stagionale per cinque mesi
La sindaca Daniela Toscano ribatte alle affermazioni del consigliere comunale Vincenzo Maltese
Lo scopo della promozione è raccogliere nuovi sguardi e riflessioni sulla vasta gamma di identità differenti e di possibili modi in cui le persone possono legittimamente esprimere il proprio genere
La società del presidente Valerio Antonini completerà l'impianto per renderlo fruibile

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Il duo, formato da Michele Simonte e Pietro Rizzo vanta collaborazioni con Djs nazionali e internazionali, recentemente con gli italiani più conosciuti al mondo i Meduza
Si tratta di un servizio organizzato dal comitato locale della Croce Rossa per le persone che vorranno assistere alla processione del 21 giugno in Piazza Castello