Finanziaria, Venuti (Ali Sicilia): “In manovra Sanità dimenticata”

"Nessun intervento strutturale per i Comuni, solo mancette"

“La Finanziaria tiene conto soltanto parzialmente delle richieste fatte dagli enti locali alla politica regionale. I tagli che erano stati preannunciati sono stati ridotti ma le difficoltà per i Comuni restano tutte e questo soprattutto davanti alla totale assenza di interventi per cercare di contrastare l’aumento dei costi di conferimento dei rifiuti e le ulteriori spese per l’energia”. Lo afferma il presidente di Ali Sicilia, Domenico Venuti, che è anche sindaco di Salemi, in merito all’approvazione della manovra messa a punto dal governo regionale e approvata dall’Ars. “Una Finanziaria che non fornisce risposte neanche per un settore fondamentale come la sanità pubblica – evidenzia Venuti -. Come sindaci siamo preoccupati e non possiamo tacere rispetto al fatto che nessun intervento corposo sia stato messo a terra per dare risposte rispetto al tema della salute pubblica”.

Il presidente di Ali Sicilia, inoltre, commenta così i finanziamenti a pioggia per gli enti locali contenuti nel ddl stralcio della manovra: “Non si spaccino le mancette per interventi in favore degli enti locali, la Regione avrebbe dovuto mettere in campo una programmazione seria e un avviso pubblico dando a tutti i comuni siciliani le stesse possibilità di accesso ai fondi. È sconfortante per un amministratore locale constatare che per avere accesso a dei fondi non basti avere in mano dei progetti ma serva necessariamente un deputato ‘amico’. In questo modo – ancora Venuti – si mortifica il lavoro di chi crede nella progettualità e nell’uguaglianza delle regole”.

E tornando sul tema dei servizi collegato alla manovra, Venuti aggiunge: “Per i Comuni, oltre al danno, una vera beffa. La Regione non realizza gli impianti e non consente la possibilità di conferire a prezzi ordinari e senza dovere girovagare per la Sicilia. Nessuna novità anche per quanto riguarda l’aumento del costo dell’energia – continua -. L’ultimo pagamento da parte della Regione risale al primo semestre 2023, da allora il nulla e per il 2024 la cifra stanziata è pari a zero. Un’altra occasione persa da parte di chi non conosce le esigenze dei sindaci”. Il presidente di Ali Sicilia poi conclude: “Le manchevolezze della Regione ricadono sui sindaci e sui cittadini con modalità inaccettabili come l’aumento del costo dei servizi. La Regione dica chiaramente cosa intende fare per dare risposte vere agli enti locali”.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
La mostra, articolata in due musei, il Cordici e il Wigner San Francesco, presenterà opere di Andy Warhol e Mario Schifano
Sindaci e Rete Territoriale per l'inclusione sociale hanno approvato le programmazioni delle quote assegnate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Iniziativa con gli studenti del “Professionale produzioni tessili e sartoriali” dell’Istituto “Calvino - Amico”
Sotto le mentite spoglie del geometra di Campobello di Mazara il capomafia di Castelvetrano si curava dal cancro
Stamattina hanno firmato il contratto alla presenza del commissario straordinario Croce
Biglietti a 10 euro acquistabili fino a sabato nei punti vendita cittadini del circuito GO2
Manifestazione con gli studenti al boschetto di via Salemi
Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"