Figli coppie omogenitoriali, deputati Sicilia: “Roma legiferi su trascrizione”. Approvata mozione all’Ars

La mozione è stata sottoscritta dai deputati dei gruppi Pd, Sud chiama Nord e M5S e da Stefano Pellegrino di Forza Italia

“Il Parlamento nazionale legiferi per rimuovere qualsiasi discriminazione nei confronti dei figli delle coppie omogenitoriali che non possono ancora essere trascritti nei registri anagrafici dei Comuni i quali, peraltro, continuano ad essere condannati dalla magistratura, come è accaduto di recente al Comune di Palermo”.

Lo hanno chiesto Gianfranco Miccichè, deputato regionale del Gruppo Misto, e Valentina Chinnici, deputata regionale del Partito democratico, durante la conferenza stampa tenutasi ieri nella Sala Stampa dell’Assemblea regionale siciliana. Alla conferenza ha partecipato anche Giovanni Inzerillo, consigliere comunale di Forza Italia. Proprio ieri l’Aula di Palazzo dei Normanni ha approvato all’unanimità una mozione in tal senso, sollecitata dal Comitato transpartitico “Esistono i diritti”, che vede come primi firmatari Miccichè e Chinnici. La mozione è stata sottoscritta trasversalmente da tutti i deputati e le deputate dei gruppi Pd, Sud chiama Nord e M5S e da Stefano Pellegrino deputato all’Ars di Forza Italia.

“Che senso ha dire accetto una famiglia purchè non abbia i figli? – si chiede Miccichè – È ovvio che non ha nessun senso. Siccome i sindaci non possono trascrivere i figli delle famiglie omogenitoriali per delle stupidità: uno perché nel modulo c’è scritto madre e padre, basterebbe scrivere genitori; secondo perché c’è una circolare del ministro di alcuni mesi fa che dava indicazioni diverse rispetto a quelle della trascrizione. Oggi finalmente cominciano ad arrivare una serie di sentenze, compresa quella della Corte d’appello di Palermo che ha condannato il Ministero e il Comune a risarcire una famiglia a cui non sono stati trascritti i figli. È chiaro che questa sentenza scatenerà in tutta Italia l’inferno, perché saranno costretti a pagare le spese legali per tutti coloro che lo chiedono, quindi con un danno erariale anche importante”.

“Per noi – dichiara Chinnici – vale il principio che in mezzo ad un vuoto normativo istituzionale che si è creato bisogna porre rimedio. Occorre salvaguardare l’interesse dei minori che è prioritario, come sancito dalle sentenze della magistratura. Il valore di essere tutti insieme a sostegno di questa battaglia di civiltà per il riconoscimento dei bambini delle coppie omogenitoriali è venuto soprattutto dal Comitato transpartitico Esistono i Diritti”.

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»