Favignana, ripresentata la mozione di sfiducia al sindaco

"Atto dovuto nei confronti della cittadinanza, ormai disillusa dall’azione amministrativa di Forgione"

A poche settimane dal ritiro della precedente mozione di sfiducia nei confronti del sindaco delle Egadi Francesco Forgione, una nuova mozione è stata ripresentata per essere discussa in aula.

I firmatari sono i sette consiglieri Sammartano (indipendente), Ernandez, Lo Iacono e Sinagra (Forza Italia), Armetta, Bannino e Serra (LiberEgadi) che la ritengono un “atto dovuto nei confronti della cittadinanza che, ormai disillusa dall’azione amministrativa di Forgione, ha da tempo voltato le spalle al primo cittadino”.

“Nonostante non via sia certezza sui voti necessari per far passare la sfiducia in aula (ne servono otto), è importante – proseguono – affrontare apertamente la crisi politica in atto, visto che ormai l’Amministrazione Forgione non ha più i numeri per governare.
Un atto dovuto, per dimostrare concretamente alla cittadinanza che il dissenso nei confronti di questa amministrazione è netto e trasversale, come dimostrano le estrazioni politiche dei sette firmatari: ex componenti della Lista Vivere Le Egadi e Forza Italia”.

“Le argomentazioni fornite fino ad oggi dal sindaco per giustificare i propri fallimenti – si legge nella nota stampa diffusa dai consiglieri – sono inconsistenti e addossano le responsabilità ad altri, traducendosi solo in accuse infondate verso chi lo contesta, evidenziando un tentativo blando quanto disperato di gettare fumo negli occhi per non ammettere che, dopo 4 anni, si continua ad annaspare senza un briciolo di programmazione nella ordinaria amministrazione di tre isole complesse, con mille problemi da affrontare”.

“Sebbene Forgione continui a fare proclami sui social, millantando azioni mirabolanti per la gestione del caos turistico, dei rifiuti, del decoro urbano, della programmazione estiva, delle aperture dei siti museali, quello che concretamente si riscontra è una confusione amministrativa imbarazzante, e soprattutto, la totale assenza ormai di consenso popolare”.

Per questo è giusto che i temi del dissenso vengano discussi in Consiglio comunale e alla luce del sole, così come prevedono le norme statutarie e il TUEL, per le quali la mozione di sfiducia non è altro che un atto politico democratico, pacifico e legittimo per esprimere il malcontento dei cittadini, attraverso i propri rappresentanti politici, ovvero i consiglieri comunali.
Un segnale forte e chiaro di tale malcontento è arrivato persino dagli artisti egadini che, per la prima volta, hanno disertato il concerto del 1° maggio, in forma di protesta pacifica contro il modus operandi di questa amministrazione.
Sul palco è stato detto che l’assenza dei musicisti egadini era dovuta a ‘problemi organizzativi’ ma noi tutti siappiamo che la verità è ben altra”.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
Domenica la partita decisiva sarà disputata al PalaCardella
Disponibile alla postazione di Poste Italiane allestita alla Villa Margherita
Erogazione dell'acqua rimandata a domenica 26 maggio, il 27 nella zona nuova della città
Saranno trasmesse al Consiglio comunale e poi all'Assessorato regionale competente
Gruppo musicale elettro-pop-rap milanese che ha appena rilasciato il nuovo singolo “Maranza” in collaborazione con Fabio Rovazzi
Oltre al martedì e giovedì mattina, anche il mercoledì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 18

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Completamente ristrutturato e allestito con uffici moderni, digitalizzati e dotati di postazioni di lavoro attrezzate
Manca il numero di firme autenticate nelle due liste presentate richiesto dal regolamento
Gli addetti alla sicurezza non erano tra quelli iscritti negli appositi registri della Prefettura
Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"