“EXTRA LARGE”, il Museo San Rocco diventa più grande [VIDEO]

A vent’anni dall’apertura, riaprono gli spazi della prima collezione di Arte contemporanea al Palazzo del Seminario

Sarà un happening culturale quello che si svolgerà venerdì prossimo, 10 maggio, alle ore 21, al Palazzo del Seminario Vescovile, in via Cosenza 90 a Casa Santa-Erice. A vent’anni dalla prima apertura della Collezione di Arte Contemporanea della Diocesi di Trapani, nuove acquisizioni e un nuovo allestimento, saranno proposti a tutti coloro che sono interessati ai nuovi linguaggi dell’arte e al dialogo tra la Chiesa e gli artisti di oggi. Grazie a questa straordinaria ripresa, il Museo San Rocco, sito al centro storico di Trapani e già ricco di spazi e di opere d’arte, diventa EXTRA LARGE, si dilata infatti nella sua sede ericina, arricchendosi di nuovi ambienti e di nuove proposte culturali.

A tagliare il nastro ritorna Francesco Buranelli, vent’anni fa direttore generale dei Musei della Città del Vaticano, che, dopo un mandato quinquennale come Segretario del Pontificio Consiglio della Cultura guidato dal cardinale Gianfranco Ravasi, riveste oggi la prestigiosa carica di presidente della Commissione Permanente per la Tutela dei Monumenti Storico Artistici della Santa Sede. Con lui sarà presente la consorte, la notissima etruscologa Susanna Le Pera.

La Collezione presenta un nuovo percorso espositivo, che parte dal viaggio esistenziale dell’uomo (Homo Viator) per dipanarsi, attraverso le ampie sale del terzo piano, in tre sezioni, che esplorano il viaggio dell’uomo verso se stesso (Ad semetipsum), verso il cosmo (Ad res creatas), verso gli altri (Ad consuetudinem). Prima di visitare il terzo piano nella sua nuova veste, sarà possibile ascoltare anche la voce di tre ospiti: Rolando Bellini e Bruno Corà, entrambi storici dell’Arte, critici e curatori di fama internazionale, e Valeria Li Vigni, già direttrice del “Museo Pepoli” di Trapani, del “Museo Riso” a Palermo e oggi presidente della Fondazione titolata all’indimenticato suo consorte, l’archeologo Sebastiano Tusa.

A loro il compito di presentare il lavoro di un artista che da 10 anni lavora a Trapani, Marco Papa, e illustrare la sua mostra-laboratorio allestita al quarto piano e intitolata “Forma, Virtù”. Con essa l’artista intende ripercorrere i suoi anni trapanesi, il suo impegno per il territorio, in particolare con la sua associazione “L’Uomo sulla Terra”, e le sue nuove conquiste artistiche che portano il suo progetto “Pace Meta Gondola Fisica Redentore” a svilupparsi in un evento internazionale, “Opera Avvenimento”, che coinvolgerà i Paesi toccati dal Danubio e dal Mar Nero per un messaggio di pace e unione tra i popoli.
La mostra è allestita in uno spazio espositivo temporaneo che sarà dedicato alla grande artista trapanese Carla Accardi, protagonista del secondo Novecento italiano con il Movimento Forma.

Altre due sale del quarto piano saranno dedicate una, destinata ad incontri e conferenze, a Filippo Burgarella, docente di Storia bizantina all’Università delle Calabrie; l’altra, per i laboratori artistici, a Maria Pia Adamo, docente del Liceo Artistico di Trapani e vicedirettrice del Museo San Rocco; entrambi prematuramente scomparsi.

La serata si concluderà con un atto performativo di Marco Papa che convocherà attorno ad un’opera-tavolo e su delle opere-sedute simboliche da lui costruite, otto persone: se stesso, il direttore del Museo San Rocco, monsignor Liborio Palmeri, Bruno Corà, Rolando Bellini, Valeria Li Vigni, la sindaca di Erice Daniela Toscano, Francesco Buranelli e una bambina, Marta Mangiarotti, che da sempre frequenta le attività del Museo.

Gli adulti esprimeranno a Marta il loro sogno di migliorare, attraverso l’arte, la condizione della nostra società e ascolteranno il desiderio che c’è nel cuore della bambina perché tutta l’umanità possa vivere un futuro migliore. Un desiderio che sarà scritto su una finestra da Marta e controfirmato dagli adulti per essere lasciato come un monito all’interno del Museo.

«In questo modo – afferma il direttore Palmeri – Marco Papa vuole affermare che vita, arte e società non possono essere separati. L’apertura di questi nuovi spazi del palazzo del Seminario, che rendono davvero EXTRALARGE quelli del Museo San Rocco, consentiranno di sviluppare questa interazione e di sviluppare progetti culturali sempre più ampi e coinvolgenti soprattutto per i giovani».

Info: museosanrocco@gmail.com; 3792705571 (solo whatsapp); 3491518995. La collezione sarà visitabile negli orari di apertura della Biblioteca Diocesana previa chiamata allo 0923571239 o con prenotazione tramite i numeri 3792705571 (solo whatsapp) oppure 3491518995. VIDEO

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
Colpita con calci e pugni, minacciata con un coltello e un fucile da sub
È di 5,5 miliardi la copertura finanziaria per 580 interventi e di 1,3 miliardi il cofinanziamento per il Ponte sullo Stretto di Messina
La manifestazione si conferma capace di esplorare i temi più caldi e attuali della cultura pop e dell'intrattenimento
Ieri il collegamento in diretta con Roma per la Giornata Mondiale dei Bambini

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
"Per i lavori di urbanizzazione e delle opere fognarie attese ormai da più di trent’anni”
All'interpello può partecipare solo il personale ispettivo assunto prima del 31 dicembre 2023
"Abbiamo scelto di parlare con il linguaggio della verità, senza mettere la polvere sotto il tappeto"
Anche quest’anno si è avuta un’importante partecipazione di pubblico
Ciminnisi: «Luogo simbolico delle nostre battaglie e punto di riferimento per i cittadini»