Erice, eletto il nuovo presidente del Consiglio comunale

È il 53enne Ruggero Messina del PD

Il Consiglio comunale di Erice, riunitosi in sessione urgente, ha eletto ieri pomeriggio il suo nuovo presidente. Si tratta di Ruggero Messina, consigliere del gruppo Partito Democratico, che prende il posto del compianto Luigi Nacci, scomparso lo scorso 25 marzo.

Messina, 53 anni, impiegato amministrativo nel settore trasporti, ha ottenuto 9 voti favorevoli mentre altri 7 sono andati alla consigliera Simona Mannina. Erano presenti, infatti, tutti i 16 consiglieri comunali. La votazione, come da prassi, si è svolta a scrutinio segreto e a maggioranza assoluta. La seduta è stata convocata e presieduta dalla vice presidente Assunta Aiello alla presenza della segretaria generale Caterina Pirrone, della sindaca Daniela Toscano e dei componenti della giunta comunale.

«Ringrazio la sindaca e tutti i consiglieri comunali, anche chi non mi ha votato – ha detto il neo presidente Messina nel corso del suo intervento – assicurando che svolgerò questo ruolo senza fare distinzioni, affinché sia garantito un confronto democratico e siano tutelate tutte le posizioni e le opinioni che saranno espresse nel corso di questo cammino che ci vedrà insieme fino al 2027. Confido nella collaborazione di tutti, cosicché possano essere affrontate concretamente le questioni importanti che interessano la nostra città. Mi auguro piena maturità nel confronto politico e sociale che possa garantire il dibattito tra maggioranza e minoranza. La qualità del nostro lavoro determinerà quella del Consiglio in generale. Mi auguro che la trattazione dei temi sia il più possibile serena, per far avvicinare i cittadini, e soprattutto le giovani generazioni, alle Istituzioni e alla politica in generale. Il mio pensiero non può non andare a Luigi Nacci: in uno degli ultimi messaggi che ci siamo scambiati, mi ha detto di avere ancora una grande voglia di vivere. Per me è stato un insegnamento importante».

A quello del presidente Messina sono seguiti, in ordine, gli interventi dei consiglieri Mannina, Cavarretta, Passalacqua, Vultaggio, Pierucci e Spina.

In chiusura di seduta ha preso la parola anche la sindaca Daniela Toscano. «Il neo presidente Messina, a cui va l’augurio di un buon lavoro, eredita un grande patrimonio – ha detto -. Luigi Nacci ci ha dato tanto in termini di esperienza ed anche sotto il profilo umano, con i suoi sani valori e corretti princìpi. Dobbiamo tutti fare tesoro di ciò che ci ha trasmesso. Per il neo presidente questo rappresenta un importante patrimonio, dunque, ma la sua è anche una grande responsabilità, dal momento che il presidente del Consiglio comunale è la seconda carica istituzionale dell’ente. Siamo soddisfatti per aver trovato una quadra e siamo certi che il neo presidente, anche grazie alla sua esperienza consiliare, saprà interpretare questo ruolo nel migliore dei modi».

Il Consiglio comunale si riunirà nuovamente domani, lunedì 15e mercoledì 17 aprile, in sessione bilancio, per l’approvazione del D.U.P. (Documento Unico di Programmazione) e del Bilancio di Previsione finanziario 2024-2026 e relativi allegati.

Cliccando su questo link sarà possibile

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
I granata hanno dovuto fare i conti con uno straordinario Filippis
La Consulta delle associazioni e la Consulta per la Pace e la Cooperazione
“Se non si stanziano i fondi per l’aggiornamento del progetto, sarà stato tutto inutile”
Andava in giro di notte con un monopattino elettrico

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Svariati i temi trattati nell'incontro svoltosi in un clima di collaborazione
Possono accedere al beneficio le cantine sociali costituite in forma cooperativa