giovedì, Febbraio 29, 2024

Erice, disagi nell’erogazione idrica per tre giorni

Siciliacque riduce la portata per problemi tecnici

Siciliacque riduce la portata della fornitura idrica al comune di Erice fino a mercoledì prossimo 14 giugno.

Lo rende noto l’ufficio Lavori Pubblici a seguito di un confronto con il fornitore idrico che ha comunicato problemi tecnici, L’erogazione dell’acqua nel territorio comunale subirà riduzioni come segue: oggi, lunedì, riduzione della portata idrica del 50%, domani, 13 giugno , l’erogazione sarà sospesa totalmente, mercoledì riduzione della portata idrica del 50%.

“Con l’auspicio che a partire da giovedì Siciliacque possa ripristinare le condizioni di normalit – conclude la nota dell’amministrazione comunale di Erice – si invita la cittadinanza a risparmiare l’acqua il più possibile, evitando possibili sprechi”.

Esultanza Trapani. Foto: Joe Pappalardo

Provinciale sotto i riflettori: in serale le partite di Imolese e Siracusa [AUDIO]

L'inizio delle due sfide è previsto per le 20:30, per il ritorno di Coppa Italia cambia anche la data
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre
Coinvolte dodici persone che si occuperanno della cura del Verde a Favignana
"Impossibile garantire alla comunità una regolare distribuzione idrica con mezzi alternativi"
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera
Un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittadina
Con le donne migranti del centro SAI e l'associazione Il Mulino
Si tratta di sistemi di ancoraggio e relitti potenzialmente pericolosi per ecosistema e bagnanti