Erice, Assunta Aiello passa all’opposizione

La vicepresidente del Consiglio comunale di Erice annuncia la sua uscita dalla maggioranza: "Una Giunta che cerca solo consiglieri lobotomizzati e ignora costantemente gli appelli al dialogo"

Con una lunga lettera aperta, la consigliera Assunta Aiello ha annunciato la sua uscita dalla maggioranza del Comune di Erice. La vice presidente del Consiglio ha duramente attaccato la Giunta di governo.

“Con grande amarezza non posso che rendere pubblica la mia decisione resa ufficiale pochi minuti fa, nel corso dell’ultima seduta consiliare. Dopo una attenta e ponderata riflessione ho deciso di lasciare la maggioranza consiliare, all’interno della quale sono stata eletta.

Decisione che può essere racchiusa in una sola ma chiarificatrice parola: sono stanca. Stanca di essere trattata come una consigliera optional della vita amministrativa, dove tutto si decide in giunta e si confonde la partecipazione con l’informazione e dove anche quest’ultima ha le sue grandi pecche. Stanca di conoscere decisioni importanti per la mia città solo a decisioni già prese.

Stanca di affrontare i temi da trattare/votare in consiglio comunale sempre pochi secondi prima delle sedute in aula.

Dall’inizio del mandato ho sempre chiesto che vi fosse una maggiore calendarizzazione delle riunioni di maggioranza: Io sto ancora aspettando.

Quando Due anni fa, dissi “sì” al progetto politico di Daniela Toscano avevo espresso determinate condizioni per accettare la candidatura, a chi allora me la propose: sulla scia di ciò che sono sempre stata per me era fondamentale che al centro del programma politico ci fosse un gruppo con obiettivi comuni da perseguire e soprattutto una piena condivisione delle scelte. Nulla di tutto ciò in questi quasi due anni ho mai riscontrato, se non una Giunta dedita in modo cronicizzato al silenzio e alla sordità.

Questa mancanza di confronto, in questi lunghi mesi, ha fatto si che i silenzi si trasformassero in muri ed i muri, si sa, dividono anche le migliori famiglie.

Ho sempre sostenuto che calendarizzare non significa mandare messaggi via whatsapp o dire: “faremo la riunione di maggioranza l’ultimo venerdì di ogni mese”, ma a mio avviso significa programmare in tempo utile tutto quanto serve per andare in Consiglio comunale preparati sugli argomenti da trattare ma sopratutto arrivare con decisioni CON-CER-TA-TE che consentano quindi di votare con scienza e coscienza.

Almeno, questo è ciò che dovrebbe fare un vero gruppo politico o per meglio dire: un gruppo politico è tale quando è capace di condividere e di diffondere, anche attraverso il faticoso lavoro della mediazione tra le singole posizioni e le singole scelte. E di sintesi tra posizioni diverse non ne ho mai viste.

Ecco perché oggi non mi resta che rendere ufficialmente nota la mia uscita da questa maggioranza e il contestuale mio divenire una consigliera indipendente.

Relativamente al momento di manifestare questa mia scelta, è quello giusto: anche in relazione ai prossimi impegni richiesti per l’elaborazione del Bilancio di Previsione 2024.

Alla luce di quanto sopra evidenziato, sono convinta che le persone che mi hanno votata nel giugno 2021 non siano in alcun modo prese in giro da questa ultima mia decisione, ma che anzi si debbano sentire maggiormente e distintamente rappresentate anche in Consiglio Comunale.

A mio avviso, nella vita, il problema non è quello di cambiare idea, ma che la si cambi senza dare chiarezza alle ragioni che la fanno cambiare, ed in proposito… mi pare… di essere stata abbastanza chiara. Non me ne sto andando sbattendo la porta.

Rimango in Consiglio comunale nella ferma convinzione di potere dare un contributo. Sarò anche più coerente con me stessa, non sentendomi più in colpa per non riuscire ad ottenere ascolto da parte di questa Giunta.

Continuerò a lavorare con passione, proponendo e dando il mio voto a quanto sarà di valore aggiunto per la comunità e contrastando invece metodi e temi che nulla hanno a che fare con il concetto di bene comune. Sempre a testa alta”.

Alberto Anguzza, dagli Ottoni Animati ai cartoni animati è un attimo [AUDIO]

Un'altra divertente intervista al talentuoso "trumpet player" trapanese, che ha fatto breccia anche nel mondo dei Griffin
L'organismo ha lo scopo di effettuare un monitoraggio congiunto e una valutazione complessiva degli interventi
Il sindaco Forgione: "Bloccate risorse per importanti opere"
L'inizio della sua collaborazione con la squadra di calcio cittadina risale al 1975
Giovedì 18 luglio alle ore 20.30 con ingresso libero
Un'altra divertente intervista al talentuoso "trumpet player" trapanese, che ha fatto breccia anche nel mondo dei Griffin
Si spazierà tra proposte differenti che vadano incontro a pubblici diversi, tra teatro, musica e danza
Fondato nel 1991, per iniziativa di Antonio Sottile, ha preso parte a centinaia di concerti e manifestazioni artistiche in Italia e in Europa
Il teatro si colorerà di un immersivo fuoco "buono" che assale le colonne, si inerpica e tinge il tempio di rosso. Le repliche si terranno il 16, 17 e 18 luglio
Inaugurazione il 21 luglio, alle ore 19:00, con il concerto "Capo Verde in Musica Jerusa Barros 4th” presso il teatro a mare “Pellegrino 1880”
Dal 17 al 19 luglio in corrispondenza di un passaggio a livello

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, era stato assolto dalla Cassazione nel 2023
Era in possesso di dosi di ecstasy e hashish e i denaro contante
La signora Marika ha scritto a "dillo a TrapaniSì"
La presidente di "Nessuno tocchi Caino" sottolinea anche la mancanza di poliziotti penitenziari in servizio