Erice, approvato bilancio di previsione 2024-26

Insieme al Documento Unico di Programmazione 2024/2026

Il Consiglio comunale di Erice ha approvato, a maggioranza, il bilancio di previsione finanziario 2024/2026 e il Documento Unico di Programmazione 2024/2026. I due strumenti finanziari erano stati approvati dalla Giunta comunale lo scorso 26 febbraio.

«Quest’anno – commenta la sindaca Daniela Toscano – siamo riusciti a bruciare i tempi rispetto al 2023 in cui avevamo già fatto meglio degli anni precedenti. L’obiettivo è quello migliorare ancora negli anni a venire, ma va sottolineato il trend positivo che il Comune di Erice sta mantenendo. L’approvazione del bilancio ci consentirà di pianificare in maniera efficace una gestione finanziaria equilibrata del nostro Comune che deve guardare al futuro con attenzione e fiducia. Il nostro bilancio, seppur provato dai continui tagli statali e regionali che ammontano a circa un milione di euro con riferimento al precedente anno, e dalle criticità organiche a tutti gli enti locali, descrive sempre un Comune in buona salute e questo non è mai un fatto scontato”.

«Le proiezioni finanziarie incluse nel nostro bilancio – spiega l’assessore con delega alle Finanze, Pino Agliastro – riflettono sfide e opportunità che la nostra città affronterà. Attraverso una scrupolosa valutazione delle prospettive economiche, siamo riusciti a delineare una strategia che mira non solo a garantire l’equilibrio dei conti, ma anche a promuovere investimenti mirati al miglioramento della qualità dei servizi offerti ai cittadini.

Penso alle scelte urbanistiche che renderanno Erice una città policentrica. Una considerevole somma è stata infatti stanziata per la redazione del P.U.G., il Piano Urbanistico Generale, uno strumento rivoluzionario che ci consentirà di guardare avanti negli anni e di affrontare i temi dell’attualità, sostenibilità ambientale, cambiamenti climatici, approvvigionamento idrico, e tanti altri.

Penso ai servizi che intendiamo garantire in termini di rigenerazione urbana, bellezza, turismo e rapporti con le produzioni cinematografiche, cultura, legalità, sostenibilità ambientale, interventi contro lo spopolamento, politiche alimentari. Tante sono le opere pubbliche e i progetti in cantiere, altri sono in itinere, altri ancora in divenire, senza dimenticare naturalmente i servizi essenziali tesi al miglioramento della qualità della vita dei cittadini che vanno sempre garantiti».

“Ricordo – prosegue la sindaca Toscano – che soltanto 111 Comuni dei 391 siciliani, molti dei quali piccoli, hanno approvato il bilancio di previsione, 120 sono in dissesto, tanti altri in condizione di pre-dissesto».

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
I granata hanno dovuto fare i conti con uno straordinario Filippis
La Consulta delle associazioni e la Consulta per la Pace e la Cooperazione
“Se non si stanziano i fondi per l’aggiornamento del progetto, sarà stato tutto inutile”
Andava in giro di notte con un monopattino elettrico

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Svariati i temi trattati nell'incontro svoltosi in un clima di collaborazione
Possono accedere al beneficio le cantine sociali costituite in forma cooperativa