sabato, Marzo 2, 2024

Empoli-Trapani 1-1 l’analisi a porte aperte

Dopo Empoli – Trapani :
soddisfatto per la prestazione, rammaricato per il risultato.
La vittoria (e con essa tre punti più che meritati) ci è sfuggita di mano in modo più fantozziano che colpevole, più per sfiga assoluta che per demerito . Ed il pari finale (1-1) non rispecchia i rapporti di forza fra le due squadre, con i granata in largo credito.

La corazzata Empoli, al nostro cospetto, ha faticato più del suo solito a creare occasioni da rete (solo una su palla inattiva nel primo tempo), perché imbrigliata dal nostro modo di difenderci (5-3-2) e messa in costante pericolo dalle nostre puntate offensive .
Nella ripresa i toscani sono riusciti a metterci sotto pressione, chiudendoci in area con maggiore frequenza e creando due chiare occasioni da rete (con Mancuso ed in mischia con La Mantia) ma alla fine il pari lo hanno trovato solo grazie all’autorete di Pagliarulo e Marino a fine gara non era per nulla soddisfatto della prestazione dei suoi.
Al contrario, noi, prima e dopo il vantaggio di Pettinari, abbiamo creato almeno quattro occasioni per andare in goal (tre con Dal Monte ed una con lo stesso Pettinari, allo scadere del recupero) e francamente il risultato finale non rispecchia il diverso volume di gioco creato dalle due squadre e la diversa qualità delle prestazioni.
Quando poi un allenatore cambia più volte, a gara in corso, il sistema di gioco, allora questa è la prova che la sua squadra non sta giocando granchè bene.
Marino ha iniziato con il 4-3-3; nella ripresa ha sostituito Tutino con La Mantia, arretrando sulla fascia, da esterno destro di centrocampo l’attaccante Bajrami e passando in questo modo al 4-4-2.
Successivamente, per nulla soddisfatto, ha cambiato ancora : fuori un centrocampista (Bandinelli) e dentro un altro attaccante (Ciciretti) per un offensivo 4-2-4, che però non ha prodotto nulla di eclatante, se non l’autorete di Pagliarulo, senza la quale oggi parleremmo di vera e propria impresa.
Castori invece non ha mai cambiato il suo sistema di gioco, sintomo evidente che la squadra aveva equilibrio e manovrava con efficacia.
Com’era prevedibile, di fronte alle tre punte avversarie, ha schierato una difesa a 5 :
tre marcatori centrali (da destra a sinistra, Pirrello, Pagliarulo e Strandberg) e due quinti (a destra Kupisz e a sinistra Buongiorno).
Kupisz aveva maggiore licenza di attaccare la profondità, cercando sempre il fondo campo, protetto in scalata difensiva da Odjer; Buongiorno si è invece limitato a giocare a metà campo e solo raramente ha cercato le incursioni in area avversaria, lasciando a Colpani il compito di allargarsi dal centrosinistra, andando spesso a giocare sulla fascia.
Ma entrambi i quinti in fase difensiva andavano ad allinearsi sistematicamente con i tre difensori centrali, formando una linea a 5, che è stata mantenuta per tutta la gara:
anche quando Grillo, sostituendo Colpani, è andato a fare il quinto di sinistra (con Kupisz dirottato a centrocampo a giocare da mezzala sinistra al posto proprio di Colpani) e Buongiorno è stato arretrato nella linea dei tre centrali, nel centrosinistra, mentre Pirrello è andato a fare il quinto di destra (con Strandberg centrale e Pagliarulo centrodestra).
Non poteva essere la gara di Evacuo, che invece ci verrà buono per le prossime due interne con Frosinone e Pordenone .
Per come giocavamo, con rapide verticalizzazioni palla a terra, cercando di mettere un uomo davanti al portiere avversario, in posizione di tiro, era più logico affidarsi a gente agile, veloce e rapida nel giocare il pallone : Pettinari e Dal Monte infatti hanno risposto in pieno a queste caratteristiche, con il secondo che si è procurato ben tre occasioni da rete e mi è piaciuto per come si é mosso.
Mi ha impressionato Strandberg, che ha giganteggiato sempre e ovunque.
Ottima la prova di Kastrati, decisivo in almeno due circostanze, una per tempo.
Soddisfatto anche di Odjer, pur se si è visto di meno rispetto a martedì scorso .
In casa avremo un altro modo di giocare :
Dal Monte esterno di fascia ed Evacuo accanto a Pettinari in un 4-4-2 compatto non mi dispiacerebbero .
Magari Evacuo nel secondo tempo e Piszczek prima di lui per una indispensabile staffetta.
Vedremo.
Immaginare 6 punti con due corazzate come Frosinone e Pordenone non è utopia, a questo punto .
E noi non abbiamo certo nulla da perdere .
Soprattutto, non possiamo preoccuparci di chi affrontiamo e di quanto forte possa essere.

L’amatoriale che riempie i teatri, Ariston sold-out a Trapani con 50&più [AUDIO]

"Ignazio e Franca Florio, storia di una illusione", ne abbiamo parlato con Cinzia Saura
Si attende adesso il parere dei Revisori per l'approvazione in Consiglio Comunale
Di Dia e Falco: “Chiederemo incontro al nuovo commissario per l’emergenza siccità Cartabellotta”
Dal prossimo 6 marzo in via Vittorio Alfieri, 9 il primo mercoledì di ogni mese dalle 16 alle 18

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il Consiglio comunale ha approvato la proposta dell'Amministrazione all'unanimità
Il 3 marzo alle ore 10.30 i volontari si ritroveranno in piazzale stenditoio, alla Cala Marina
Petrusa ricopre anche il ruolo di segretario della Filctem Cgil di Trapani
Appuntamento sabato 2 marzo alle ore 18 si terrà una nuova presentazione del libro presso i locali del tempio valdese in via Orlandini 38 di Trapani