Divieto di accesso alle aree urbane per molestie e atti illeciti: le misure del Questore di Trapani

Due provvedimenti di Daspo Urbano emessi per reati commessi nel centro storico di Trapani e presso la Funivia. Le sanzioni previste per i trasgressori

Il Questore di Trapani ha emesso recentemente due Daspo Urbano nei confronti di due individui responsabili di reati commessi in diverse aree della città. Il primo soggetto, un giovane in stato di ubriachezza, ha molestato e infastidito avventori di esercizi pubblici sul lungomare Ammiraglio Staiti e ha aggredito i poliziotti intervenuti sulla scena. Il secondo individuo ha invece chiesto denaro ai turisti nei parcheggi vicini alla stazione a valle della Funivia di Erice. Entrambi i soggetti hanno ricevuto il divieto di accesso per due anni alle zone in cui hanno commesso i reati. In caso di violazione del Daspo Urbano, saranno previste sanzioni pecuniarie e la reclusione da sei mesi a due anni.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Imprese agricole e zootecniche potranno usufruire di deroghe in alcuni ambiti della Politica agricola comune
Sono i cinque indicati in sede di presentazione della candidatura e delle liste a sostegno di Quinci
Ottenuto il parere favorevole della Commissione Attività produttive dell'ARS
Uno strumento per avvicinare il pubblico, specie quello giovanile, alla conoscenza del Museo
Tre giorni all'insegna della cultura del mar, della musica e della gastronomia

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
La società del presidente Valerio Antonini completerà l'impianto per renderlo fruibile
A Trapani confermato il già commissario straordinario Ferdinando Croce