Dieci nuovi Distretti produttivi in Sicilia, tre sono nel Trapanese

Quello del marmo di Sicilia a Custonaci, dell'olio extravergine di oliva siciliano e delle olive da tavola siciliane, entrambi a Castelvetrano

Sono tre, tra i nuovi dieci Distretti produttivi istituiti dalla Regione Siciliana, quelli che si trovano nella provincia di Trapani: si tratta del Distretto del marmo di Sicilia, con sede a Custonaci, del Distretto olio extravergine di oliva siciliano e del Distretto olive da tavola siciliane, entrambi a Castelvetrano.

Si amplia, così, la geografia delle filiere di imprese siciliane dopo un lungo periodo di stallo. L’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano, ha firmato i decreti di riconoscimento dei dieci nuovi Distretti produttivi che, sommati ai tredici rinnovati e riconosciuti nel luglio del 2020, fanno salire a ventitré gli ambiti produttivi ufficialmente riconosciuti dalla Regione siciliana.

«Quando mi sono insediato ho trovato una situazione dei Distretti produttivi davvero critica – spiega l’assessore Turano – Nel 2017 il sistema dei riconoscimenti era praticamente bloccato e non si era proceduto ai rinnovi o a nuove istituzioni, determinando una sorta di limbo. Con il presidente Musumeci abbiamo ripreso il dialogo e il confronto ma, soprattutto, abbiamo messo in campo tutti gli strumenti amministrativi necessari per far ripartire i Distretti, puntando anche a un sostanziale riordino che ci ha permesso di evitare doppioni e sovrapposizioni all’interno delle filiere e di rimetterci al passo con un mondo produttivo profondamente cambiato nell’ultimo decennio».

I Distretti produttivi, che videro la luce nel 2005, furono istituiti dalla Regione con l’obiettivo di far lavorare le filiere produttive per sistemi integrati in grado di darsi una programmazione a livello territoriale sostenuti da fondi specifici. Fondamentale per la ripartenza del sistema è stata la revisione delle procedure per i riconoscimenti, messa a punto dagli uffici del dipartimento Attività produttive. Grazie al nuovo iter sono state eliminate le criticità che avevano determinato lo stallo delle pratiche di riconoscimento: nello specifico, oltre a un adeguamento dei criteri di valutazione, il nucleo di valutazione precedentemente previsto è stato sostituito da una commissione di valutazione interna al Dipartimento ed è stato ampliato il riconoscimento temporale dei Distretti da tre a cinque anni.

«Il Distretto produttivo – sottolinea ancora Turano – è espressione della capacità del sistema delle imprese e delle istituzioni locali di sviluppare una progettualità strategica che riguardi anche la nuova programmazione comunitaria. Siamo già pronti a stanziare delle risorse per le prime iniziative che discuteremo nella seduta inaugurale della nuova Consulta dei Distretti produttivi, l’organo consultivo che abbiamo riattivato, che si terrà a fine ottobre».

Oltre ai tre del Trapanese gli altri nuovi Distretti sono il Distretto delle Ceramiche made in Sicily (Palermo), il Distretto del vino di Sicilia e quello Dolce Sicilia, entrambi con sede a Palermo, il Distretto laniero siciliano a Cammarata (Agrigento), il Distretto Luxury hospitality (Palermo) e, nel campo della ricerca e dell’innovazione tecnologica, il Distretto Sicilia 5.0 con sede a Catania e il Distretto Sicily Valley a Palermo.

Si sommano ai tredici già esistenti che sono: a Catania il Distretto Agrumi di Sicilia, sempre nella provincia etnea il Distretto del Ficodindia di Sicilia a San Michele di Ganzaria e il Distretto della pietra lavica di Belpasso; a Palermo si trovano invece Distretto Meccatronica, il Distretto della moda Mythos e il Distretto nautico del Mediterraneo, il Distretto Pesca e Crescita Blu a Mazara del Vallo, a Ragusa il Distretto orticolo sud-est Sicilia insieme al Distretto Lattiero Caseario, il Distretto Ecodomus specializzato nella filiera edilizia e delle energie rinnovabili a Licata, nel Nisseno, a Mazzarino, il Distretto Frutta secca di Sicilia, il Distretto Filiera delle Carni a Messina il Distretto ortofrutticolo di qualità a Siracusa.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
A disposizione 1.377.800 euro per aumentare la dotazione idrica totale di 150 litri al secondo
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"
Ancora grandi soddisfazioni per le atlete della Venus ASD allenate da Ida Bruno che grazie alle qualificazioni ottenute ai Campionati Regionali, hanno disputato nel weekend 31 maggio – 2 giugno la fase nazionale di Coppa Italia e il Campionato Italiano di serie B e C della FederTwirling a Montegrotto...
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
L’evento sarà un'occasione significativa per esplorare approfonditamente gli aspetti naturalistici e culturali dei paesaggi delle due isole vulcaniche
La selezione, rispondendo in primis al principio di sostenibilità, ha elaborato un cartellone che prenderà il via a metà luglio e durerà tutta l’estate
Nell'occasione si presenta il libro “Pietro il pescatore pastore” di don Fabio Pizzitola

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione