Dall’8 al 13 marzo tornano le “Giornate FAI per le Scuole”

Si svolgeranno in modalità digitale: Erice tra i luoghi siciliani raccontati dagli studenti

Da lunedì prossimo, 8 marzo, e fino a sabato 13 torna il grande evento nazionale che il FAI – Fondo Ambiente Italiano – da nove anni dedica al mondo della Scuola.

In quest’anno così difficile per studenti e docenti, date le restrizioni dovute alla pandemia, sarà proposta un’edizione completamente digitale. In occasione delle Giornate FAI per le Scuole, gli studenti – formati dai volontari del FAI in collaborazione con i docenti – saranno chiamati ancora una volta a mettersi in gioco in prima persona, per scoprire da protagonisti la ricchezza del patrimonio culturale italiano e raccontarla ai loro pari, ma quest’anno lo faranno in centinaia di visite guidate online, con video in diretta Instagram e in differita sui canali IGTV delle Delegazioni FAI, visibili da tutti anche sul sito www.giornatefaiperlescuole.it .

Oltre 4.000 apprendisti ciceroni, 700 video in programma, di cui 122 in diretta nella sola giornata di mercoledì 10 marzo, e 264 luoghi da visitare online, quasi 50 in più dell’edizione del 2019: sono numeri che dimostrano il desiderio dei giovani studenti di uscire dall’isolamento, per vivere un’esperienza di cittadinanza attiva e di educazione tra pari, anche se a distanza, e per non perdere l’opportunità di formarsi e di arricchirsi culturalmente, raccontando insieme al FAI le bellezze del nostro Paese.

Tra i luoghi della Sicilia raccontati ci sarà Erice con le sue Mura Elimo-Puniche. Le millenarie vestigia risalgono al VII secolo a.C. e sono anche chiamate “ciclopiche” perché, secondo la leggenda, furono i Ciclopi a realizzarle mettendo uno sopra l’altro i grandi massi megalitici.

Lungo la cinta muraria del borgo della
Vetta, dove ancora sono ben visibili i torrioni, si trovano le tre porte di accesso al centro abitato di Erice, ovvero Porta Trapani, Porta Carmine e Porta Spada, più alcune postierle, piccole vie di accesso che anticamente venivano usate per assicurare i rifornimenti. In alcune parti sono ancora visibili misteriose lettere puniche che, secondo la tradizione, avrebbero questo significato: “Le mura hanno occhi per vedere il nemico, bocca per stritolarlo e sono la casa sicura dei suoi abitanti”.
Le Mura Elimo-Puniche sono costeggiate dal sentiero del bosco, dove è possibile passeggiare tra i silenzi del meraviglioso polmone verde di Erice e il carico di storia e leggende di questo monumento di 2.500 anni fa.
La trasmissione è fissata per mercoledì 10 marzo, alle ore 10.30, 11, 12 e 12.30; giovedì 11 marzo, ore 10.30, 11, 12 e 12.30, a cura degli apprendisti aiceroni dell’Istituto Alberghiero “Ignazio e Vincenzo Florio” di Erice.

La passeggiata al lungomare di Trapani, buona fortuna! [REPORTAGE]

Giovedì inizieranno i lavori di messa in sicurezza di 30 metri di muretto e della spiaggia sottostante
Giovedì inizieranno i lavori di messa in sicurezza di 30 metri di muretto e della spiaggia sottostante
Intervento stanotte di un elicottero HH139B dell’82° Centro SAR di Trapani
Eletto il Consiglio d’Amministrazione per il triennio 2024-2027
Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Nicola Lamia spiega perchè l'opposizione ha abbandonato l'Aula Consiliare

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
L'amministrazione comunale ha illustrato lo stato di avanzamento dei Piani che confluiranno nel PUG
Operazione del 2022 contro presunti fiancheggiatori e associati di Cosa Nostra a Marsala e altri centri del Trapanese
Tutte le gare in programma si disputeranno dal 25 al 28 luglio in piazza della Vittoria
L'ala di passaporto inglese proviene dal Galatasaray, squadra del massimo Campionato turco
L'aeroporto etneo è chiuso per l'attività del vulcano
Domani pomeriggio si ritroveranno i bambini di dieci grest parrocchiali