Agevolazioni PNRR e altri aiuti statali cumulabili, CNA Trapani: “Ottima notizia per imprese del Sud”

Le imprese potranno giovare di agevolazioni previste nel PNRR e di altri aiuti derivanti da fonti di finanziamento statali, “cumulate” a copertura di diverse quote parti di un progetto/investimento

Una buona notizia per le imprese del Sud è contenuta nella Circolare numero 33 emanata dal Ministero Economia e Finanze, che in data 31 dicembre 2021 ha fornito specifici chiarimenti in merito alla “trasmissione delle istruzioni tecniche per la selezione dei progetti PNRR- circolare 21 del 14 ottobre 2021”, confermando la possibilità di “cumulare all’interno di un unico progetto fonti finanziarie differenti, a condizione che tale sostegno non copra lo stesso costo”.

Le imprese, quindi, potranno giovare di agevolazioni previste nel PNRR e di altri aiuti derivanti da fonti di finanziamento statali, “cumulate” a copertura di diverse quote parti di un progetto/investimento.

Della questione si era interessata anche CNA Trapani, che- in una lunga nota portata all’attenzione nazionale in collaborazione con il Segretario CNA Sicilia Piero Giglione – aveva espresso grande preoccupazione in merito ad un eventuale divieto di cumulabilità delle agevolazioni, specie per le aziende che avevano già programmato investimenti importanti.

“Dopo una serie di circolari che mettevano in dubbio la cumulabilità del credito d’imposta con Industria 4.0, Bonus Sud e Sabatini, abbiamo ottenuto le risposte che cercavamo”, così Giovanni Marchese, Vice Presidente di Cna Trapani.

“Nella Circolare- continua- la Ragioneria dello Stato specifica anche che il concetto di cumulabilità vale anche per la misura PNRR Transizione 4.0, che prevede la concessione di un credito d’imposta per le imprese che investono in tecnologie 4.0 e in Ricerca e sviluppo. Nello specifico, laddove l’investimento risultasse in parte finanziato da altre risorse pubbliche, è ammesso il cumulo con il credito d’imposta, fino a concorrenza del 100% del costo dell’investimento, esclusivamente per la parte di costo dell’investimento non finanziata con le altre risorse pubbliche”.

Marchese sottolinea anche un esempio pratico contenuto nella Circolare del 31 dicembre 2021. “Se una misura del PNRR finanzia il 40% del valore di un bene/progetto, la quota rimanente del 60% può essere finanziata attraverso altre fonti, purché si rispettino le disposizioni di cumulo di volta in volta applicabili e, complessivamente, non si superi il 100% del relativo costo. In quest’ultimo caso, parte dei costi sarebbero infatti finanziati due volte e tale fattispecie sarebbe riconducibile all’interno del cosiddetto ‘doppio finanziamento’, e di cui invece è fatto sempre divieto”.

Per qualsiasi chiarimento, CNA Trapani è comunque sempre a disposizione di imprenditori e professionisti negli uffici di via Pantelleria 38 a Trapani. È possibile anche inviare un’email a cnatrapani@gmail.com o telefonare al numero 338- 4161986.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Per il nuovo film di Margherita Spampinato dal titolo "Gela"
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Direttiva a Comuni e gestori del sevizio idrico per assicurare erogazione idrica prioritaria
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
I responsabili saranno denunciati all'Autorità giudiziaria
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile
Sarebbero state rimpinguate con sabbia proveniente da altri luoghi