Crolli all’Istituto Tecnico Marino Torre, la mobilitazione di studenti e genitori [FOTO]

"Fino ad oggi nessuno si è fatto male - afferma uno studente - , ma un domani non si sa cosa potrebbe accadere"

Proteste e scioperi. Gli studenti dell’Istituto tecnico Marino Torre di Trapani non si sentono più sicuri: lo stato precario e pericoloso della struttura dell’intero stabile sono sotto gli occhi di tutti e per questo motivo molti si sono astenuti dalle lezioni. In una lettera firmata dagli alunni e dai genitori sottolineano come «già qualche giorno fa è crollata una parte del soffitto dell’aula magna, impegnata con una classe di alunni. Paradossalmente lo stato di sicurezza dello stesso soffitto era stato constatato dai tecnici e definito “il più sicuro dell’intero stabile”, di fatto è crollato solo dopo alcuni giorni».

All’entrata della scuola ci sono tanti nastri e transenne che segnano la pericolosità dell’edificio perché instabile. Il tutto è testimoniato dalle numerose foto. All’inizio dell’anno gli studenti non potevano neanche accedere dall’entrata principale perché pericolante, consentendo l’ingresso solo da entrate secondarie.

«La sorte ha voluto che non ci fossero lezioni in quel momento – affermano gli studenti e i genitori – . Tuttavia non possiamo affidare la sicurezza della salute degli alunni alla sorte. Inoltre, sia all’interno che all’esterno della struttura ci sono diversi nastri che interdicono il passaggio, a seguito di altri crolli non meno pericolosi ne di minore entità. Pertanto si chiede alle autorità competenti l’immediato intervento dei Vigili del Fuoco per la messa in sicurezza di tutta la struttura scolastica e contestualmente cercare immediatamente un’alternativa al fine di garantire a tutti gli alunni lo svolgimento delle lezioni in modo regolare e in sicurezza. Nel frattempo già da domani 23/03/2022 alle ore 8:15 si dichiara lo stato di agitazione con manifestazione pacifica e in concerto con i genitori degli stessi davanti l’ingresso dello stesso Istituto».

Le testimonianze dirette degli alunni lasciano poco all’immaginazione. «Fino ad oggi nessuno si è fatto male – afferma un giovane dell’Istituto Marino Torre – , ma un domani non si sa cosa potrebbe accadere. Qua non si parla di fare sciopero perché non vogliamo fare lezione o saltare qualche compito. Qua si tratta che noi abbiamo il diritto di studiare e apprendere in sicurezza. Non con la paura di guardare il soffitto o il pavimento perché da un momento all’altro potrebbe succedere qualcosa. Vi invitiamo a unirvi a noi domani con uno sciopero per cercare un cambiamento che ormai da troppo tempo manca e c’è ne di bisogno».

La redazione di Trapanisi.it ha provato a contattare il Libero Consorzio di Trapani, ente responsabile dello stabile, senza però ricevere alcuna risposta.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
"I disagi e il clima di tensione che si vive in azienda sono peggiorati e i lavoratori sono stanchi e disillusi”
Letture ad alta voce e laboratori in biblioteca a partire dal 17 giugno
Con effetto immediato e fino al prossimo 31 dicembre
Ventuno milioni per le famiglie siciliane per gli affitti del 2022
La strada provinciale Valderice - Erice, parte del tracciato di gara, fino al bivio di Martogna, sarà chiusa al traffico dalle 7:30 alle 15:30
Gli eventi prenderanno il via il 10 luglio e si concluderanno il 28 agosto, tutti con inizio alle ore 21:30
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Incrementerà la portata d’acqua a disposizione della città di 15 litri al secondo