venerdì, Gennaio 27, 2023

Criticità nel trasferimento dei migranti da Pantelleria a Trapani, “Italia Celere” torna all’attacco

Il sindacato di Polizia torna a denunciare i rischi di diffusione del Covid legati all'attuale procedura

Con una nota inviata oggi al Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, al commissario straordinario dell’Asp e, per conoscenza, al questore di Trapani e alle altre autorità provinciali interessate, il sindacato di Polizia “Italia Celere” torna a chiedere maggiore attenzione sulle attuali procedure di trasferimento dei migranti, per la gran parte tunisini, che arrivano sull’isola di Pantelleria e che poi vengono trasferiti a Trapani per le necessarie procedure a loro carico presso il Centro di Permanenza per i Rimpatri di contrada Milo.

“Per la terza volta in un mese – scrive il segretario provinciale Alberto Lieggio – questa Segreteria è costretta a denunciare la presenza all’interno della struttura del CPR di contrada Milo dell’ennesimo straniero di nazionalità tunisina risultato positivo al Covid-19, sbarcato a Pantelleria e successivamente trasferito a Trapani. Ancora una volta siamo costretti ad assistere alla messa in pericolo, da parte delle Pubbliche Istituzioni, della salute degli uomini delle Forze di polizia e delle Forze Armate nonché di tutte quelle persone che, a vario titolo, vengono poste a contatto con gli stranieri”.

Lieggio riferisce che “lo scorso 29 settembre sono stati trasferiti a Trapani 33 stranieri provenienti da Pantelleria” a bordo della normale corsa del traghetto “Paolo Veronese”. “Di questi – prosegue – 32 erano appena arrivati sull’isola e risultati negativi al tampone rapido effettuato all’atto dello sbarco, mentre uno era risultato negativo al tampone molecolare, effettuato in data 24 settembre, al termine della quarantena effettuata in quanto precedentemente risultato positivo al tampone rapido fatto allo sbarco in data 14/09/2021”.

Secondo il segretario provinciale di Italia Celere, “anche in quest’occasione è stata dimostrata l’inefficacia delle misure sanitarie poste in essere per accertare la negatività al Covid-19 dei soggetti al momento della partenza da Pantelleria e l’inadeguatezza dei metodi utilizzati per il trasferimento dei migranti da Pantelleria a Trapani a causa della promiscuità che avviene durante la permanenza all’interno dell’ex caserma Barone e durante le fasi di trasferimento (tra soggetti giunti a termine quarantena e soggetti appena sbarcati) e la mescolanza tra soggetti trattenuti presso il CPR (in forza di un provvedimento amministrativo) e soggetti appena sbarcati che, in violazione delle norme e del semplice buonsenso, vengono ancora fatti transitare per il foto-segnalamento dalla struttura del CPR, tuttora utilizzato come Hot Spot, ed anche ivi fatti pernottare, come nel caso in questione. A carico del soggetto per il quale doveva essere emesso te provvedimento di espulsione e conseguente trattenimento presso uno dei CPR nazionali – prosegue Lieggio – è stato eseguito dai sanitari ASP di Pantelleria, in data 24/09/2021, un tampone molecolare risultato negativo e a seguito del quale è stato dichiarato concluso il periodo di isolamento sanitario ma non risulta eseguito, in data 29 settembre, alcun ulteriore tampone prima dell’imbarco sulla M/N “Paolo Veronese”.

Il migrante, riferisce il sindacalista, “una volta giunto a Trapani è stato sottoposto al tampone molecolare necessario per l’accesso nei CPR, che ha dato esito positivo. Intanto – sottolinea il segretario provinciale di Italia Celere – il soggetto, unitamente ai 32 stranieri giunti a Trapani con lui, erano stati posti a contatto con altre persone (Polizia Scientifica, DIGOS, Squadra Mobile, Ufficio Immigrazione, Militari, operatori dell’Ente gestore del CPR). I 32 erano stati poi trasferiti in una struttura di accoglienza a Salemi, inconsci di essere potenzialmente portatori del virus, ed i colleghi erano rientrati negli alloggi o a casa, con i loro congiunti. Nel frattempo la M/N Paolo Veronese, alle ore 23 del 29 Settembre era ripartita per Pantelleria, prendendo a bordo utenti privati, ignari del rischio sanitario che correvano, insieme ai marittimi imbarcati. La Compagnia di navigazione, all’oscuro di aver trasportato un soggetto infetto dal Covid-19, avrà proceduto ad idonea sanificazione degli spazi precedentemente occupati o di transito dagli stranieri?!? Risulta, quindi, evidente che trasferire a Trapani i soggetti sbarcati a Pantelleria, in assenza di un tampone molecolare (effettuato in prossimità dell’imbarco e non antecedente le 48/72 ore) rappresenti – sottolinea il rappresentante sindacale della Polizia di Stavo – una vera e propria bomba ad orologeria per la salute degli operatori delle Forze di polizia, delle Forze armate, per gli operatori dell’Ente gestore del CPR e per gli stranieri stessi, MA CIO’ PARE NON INTERESSARE ALLE CITATE ISTITUZIONI PROVINCIALI”.

“Il peso delle scelte errate, fatte da alcuni – conclude Lieggio – grava sulla vita dei poliziotti e sulle loro famiglie nonché sulla vita di tutti quei soggetti che, per la propria attività lavorativa o di volontariato, si trovano a trattare con gli sbarcati”.

Intanto un gruppo di migranti, presumibilmente originari della Tunisia, è stato intercettato a Mazara del Vallo e verrà condotto su mezzi della Guardia Costiera, al porto di Trapani per poi essere trasferito al Centro di Permanenza per i Rimpatri di contrada Milo a Trapani.

Una carta sconto per gli studenti trapanesi [AUDIO]

Gli studenti grazie a questa Card potranno usufruire di illimitati vantaggi riservati, presso numerose attività trapanesi come bar, ristoranti, negozi, liberi professionisti e molto di più

Calcio, Trapani: riscattata l’opaca prestazione di domenica scorsa

Una vittoria importante per il morale della squadra e per la sicurezza nei suoi mezzi
La spaccatura netta del Partito Democratico con la contrapposizione tra la segreteria provinciale di Domenico Venuti e il deputato ARS Dario Safina apre a una discussione e i pentastellati provano ad insinuarsi
"Anche la Sicilia - prosegue il governatore - è stata teatro, tra il 1938 e il 1945, di quelle profonde ingiustizie"
Approvato in commissione bilancio all’ARS emendamento dei deputati Cristina Ciminnisi e Antonio De Luca del Movimento 5 Stelle
Venuti: "Quando la legge lo consente andiamo incontro ai cittadini"

Sabato 3 e domenica 4 dicembre il Day Zero di Etna Comics 2023

Appuntamento al centro commerciale Porte di Catania dalle 10 alle 20

L’esperta risponde: tutti i dubbi su gas e luce [Parte 4]

In settimana i lettori di Trapanisi.it hanno inviato alla nostra esperta alcune domande
A Trapani è possibile iscriversi al Liceo Coreutico presso l’istituto superiore Fardella-Ximenes
"L’appello che lanciamo alle Istituzioni e alle Autorità è quello di prendere celeri provvedimenti a tutela di una vita in evidente stato di precarietà e di pericolo", dice la presidente Aurora Ranno
Domani, organizzato dal circolo trapanese dell’Unione Donne Italiane, con il patrocinio del Comune di Erice, in occasione della Giornata della Memoria, l’evento di formazione dal titolo “Da dove parte il treno”
La mostra, organizzata dall'Associazione “Comunità Papa Giovanni XXIII", racconta l'esperienza della Lovato come missionaria in Libano e in giro per il mondo
Assolto “perché il fatto non sussiste” dal Tribunale di Trapani, l'ingegnere Simone Cusumano, già responsabile del Terzo settore del Comune di Castellammare del Golfo. Era accusato di abuso di ufficio
Tre cittadini di Pantelleria sono stati denunciati dai Carabinieri della locale Stazione per omessa custodia di armi e munizioni, porto abusivo di armi e accensioni ed esplosioni pericolose

Pollo all’arancia: la ricetta

Una nuova ricetta su Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Dottore, nuovo anno, nuovi propositi, ma perché procrastino?

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Quei giorni in radio… [parte prima]

Negli anni Settanta e Ottanta la radio ha avuto un ruolo decisivo nella diffusione della musica e nell'intrattenimento

“Silenzio, esce la Corte”

La condanna definitiva: l’era di D’Alì è finita. Il silenzio di Trapani
Nei prossimi giorni presenterà alla città la nuova squadra
Oltre all'arma da fuoco con 5 cartucce, che ha la matricola abrasa, i Carabinieri hanno trovato un involucro con altre 20 munizioni dello stesso calibro
È stato un momento di confronto sulla piena attuazione dell’Autonomia regionale
L'assessore ieri ha giurato. “Accetto con entusiasmo e con grande senso di responsabilità questo ruolo"
Saranno stanziati 726 mila euro per mettere in atto iniziative e programmi di promozione sociale realizzati da organizzazioni e associazioni presenti sul territorio siciliano
La Giornata della Memoria sarà celebrata con la collocazione di "pietre d'inciampo" a Trapani, Alcamo e Valderice, da parte della prefetta Filippina Cocuzza

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Legge di Bilancio 2023, le principali novità in materia di energia

Con la Legge di Bilancio 2023 il governo prosegue il lavoro iniziato dal precedente esecutivo con i cosiddetti “decreti Aiuti”