Consiglio comunale Favignana, Giuseppina Salerno fa ricorso contro dichiarazione di decadenza

"Il vero obiettivo non ero io ma il sindaco Forgione di cui non avrei votato la sfiducia"

Giuseppina Salerno ha presentato ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale contro il provvedimento di decadenza da consigliera approvato dal Consiglio comunale di Favignana lo scorso 25 marzo con cinque voti a favore e due astenuti.

“Come avevo anticipato prima della votazione – si legge nella sua nota diffusa alla stampa – intendo fare valere le mie ragioni in tutte le sedi preposte e combatterò per difendere la mia dignità e la mia immagine gravemente danneggiate. Le mie assenze, sempre comunicate e motivate, sono dovute a impegni indifferibili legati all’esercizio della mia professione di medico e familiari e non certo, come alcuni vogliono fare credere, ad un mio disinteresse nei confronti della comunità e del territorio egadino”.

“Nel corso della seduta del 25 marzo ho fornito precisi e puntuali chiarimenti comprovati da ampia documentazione. Il Consiglio comunale non ne ha tenuto alcuna considerazione approvando la proposta di decadenza. La verità è che l’epilogo era già scritto. L’obiettivo vero – prosegue Salerno – non ero io ma il sindaco Francesco Forgione nei confronti del quale era stata avanzata una mozione di sfiducia. Atto che, in piena autonomia e coscienza, avevo deciso di non firmare”.

“Il piano finalizzato a colpire Forgione – si legge nella nota – è emerso in modo chiaro nel corso della seduta del 25 marzo. Con un provvedimento singolare e non supportato da alcuna valida ragione, è stato richiesto di prelevare il punto riguardante la mia decadenza e discuterlo prima della mozione di sfiducia. I proponenti sapevano che non l’avrei mai votata e non avrebbero avuto i voti necessari per l’approvazione. L’obiettivo era eliminarmi e sostituirmi con un altro consigliere. L’ulteriore prova è che il 29 marzo, ventiquattro ore prima della scadenza dei termini, i proponenti hanno deciso di ritirare la mozione di sfiducia non essendo ancora esecutiva la mia decadenza”.

“Questa è la triste verità – conclude la dottoressa Salerno – . Spero che gli organi preposti potranno al più presto fare chiarezza. Resto in attesa, fiduciosa, nella consapevolezza di avere sempre operato correttamente e di non avere mai tradito il mandato conferitomi dagli elettori”.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
Colpita con calci e pugni, minacciata con un coltello e un fucile da sub
È di 5,5 miliardi la copertura finanziaria per 580 interventi e di 1,3 miliardi il cofinanziamento per il Ponte sullo Stretto di Messina
La manifestazione si conferma capace di esplorare i temi più caldi e attuali della cultura pop e dell'intrattenimento
Ieri il collegamento in diretta con Roma per la Giornata Mondiale dei Bambini

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
"Per i lavori di urbanizzazione e delle opere fognarie attese ormai da più di trent’anni”
All'interpello può partecipare solo il personale ispettivo assunto prima del 31 dicembre 2023
"Abbiamo scelto di parlare con il linguaggio della verità, senza mettere la polvere sotto il tappeto"
Anche quest’anno si è avuta un’importante partecipazione di pubblico
Ciminnisi: «Luogo simbolico delle nostre battaglie e punto di riferimento per i cittadini»