Conclusa la processione dei Misteri, il vicario: “Impegno di tutti per rialzarsi e fare Pasqua”

Don Alberto Genovese ha ricordato le vittime del conflitto in Ucraina e di tutte le guerre nel mondo e i migranti sbarcatI oggi a Trapani

Si è conclusa oggi alle 13.25 circa la processione dei Misteri di Trapani, un’occasione per i Trapanesi e i tanti turisti che hanno potuto rivivere la rievocazione della passione e morte di Cristo dopo due anni di fermo a causa della pandemia.

Assente il vescovo Pietro Maria Fragnelli, rientrato in Puglia per l’aggravarsi delle condizioni di salute della madre, è stato il vicario generale don Alberto Genovese (che ieri in apertura, aveva letto un messaggio del vescovo), a concludere la processione davanti al simulacro della Madonna Addolorata.

Il vicario ha incentrato il suo breve discorso su tre parole. La prima è stata grazie: alla città, ai visitatori che si sono uniti a questa celebrazione corale, alle persone sofferenti o anziane che si sono unite attraverso la tv o i social e in particolare alle Istituzioni che, con la concertazione tra Diocesi e Unione Maestranze, insieme ai tanti volontari hanno permesso di tornare in processione.

“Abbiamo smentito il detto ‘non c’è due senza tre’ – ha detto con una battuta – e siamo riusciti a tornare in strada con i sacri gruppi a testimonianza che quando si lavora insieme e in sinergia rispettando le regole è possibile fare tutto. Sentiamoci tutti in questo grazie – ha continuato il vicario – e non pensiamo che tutto sia concluso perché anche quando il portone sarà chiuso ci aspetta il trionfo della Resurrezione che dà senso alla Passione”.

La seconda parola è stata dedicata alla passione degli uomini e delle donne del nostro tempo: alle vittime del conflitto in Ucraina e di tutte le guerre dimenticate nel mondo, ai migranti sbarcati questa mattina nel nostro porto, quello di una città che si definisce “città dell’accoglienza”, alla passione che vivono tutti coloro che soffrono a causa della malattia.

La terza parola è stata narrazione. “Questa notte passata con il popolo dei misteri – ha continuato – ha generato tanti pensieri: pianto, emozioni, voglia e gioia d’incontrarsi, voglia di mettersi in gioco e di ricominciare e mi ha fatto pensare in questi giorni in cui anche gli Ebrei celebrano la loro Pasqua, un antico racconto chassidico che parla di un anziano paralitico che racconta la salvezza del Signore alla sua famiglia, ai suoi nipoti e che mentre racconta si mette in piedi. Ecco – ha concluso don Genovese – raccontare significa rimettersi in piedi. Rialzarsi a fare ‘Pasqua’ con l’impegno di tutti: esprimere la nostra identità cristiana trapanese, tramandarla, fa il miracolo di farci rialzare”.

Domani alle 10 con le lodi del Risorto, nella chiesa del Purgatorio, immersa ancora nel clima della processione, si darà inizio alla processione di Pasqua che si concluderà alle 11 alla Cattedrale San Lorenzo dove, prima della celebrazione eucaristica, tre esponenti dei Ceti delle Maestranze racconteranno la loro esperienza e la loro emozione. Alle ore 12 circa l’immagine del Cristo Risorto rientrerà nella chiesa del Purgatorio.

Prosegue a Paceco la rassegna estiva “A Macaràro” [AUDIO]

Ne parliamo con Giovanna Scarcella, la curatrice dell'evento
Sul posto Forestale, Vigili del fuoco, elicotteri e Canadair
La storica dell'Arte Lina Novara nominata direttrice del Museo Diocesano
Le rate per il pagamento della Tari passano da tre a cinque
Accompagnerà i presenti in un viaggio culinario tra le ricette tradizionali della sua terra e le sue creazioni quotidiane
Intervista a Paolo Salerno, l'organizzatore della rassegna che da 16 anni propone i gusti dal mondo
In via Emanuela Loi e al Museo intitolato a Paolo Borsellino

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Completato il revamping di due pozzi a Castelvetrano, in dirittura di arrivo quello dei pozzi di Trapani e Calatafimi
Possono partecipare alla selezione adulti tra i 18 e gli 80 anni di età e minori tra i 14 e i 17 anni di età
Una mostra mercato di prodotti tipici di enogastronomia, artigianato e commercio e tutto ciò che è di più rappresentativo per la Sicilia, e ogni sera è prevista musica
L'artista di Brolo ha incantato il pubblico con un mix di suoni, spaziando dal jazz al folk