venerdì, Gennaio 27, 2023

“Caso aggressione Rizzi” a Fulgatore, la versione della famiglia

Parla la donna che, insieme ad altri familiari, è stata protagonista del violento alterco con l'animalista

“A questo punto, siete veramente in tanti a dimostrarci solidarietà e affetto, mi sembra doveroso spiegare come sono andati i fatti”, così esordisce la donna (di cui continuiamo a non divulgare l’identità) protagonista, insieme ad altri familiari, del violento alterco con Enrico Rizzi – alla presenza di due agenti della Polizia Municipale – che in tanti hanno potuto vedere in diretta sabato scorso, 8 maggio, sulla pagina Facebook dell’animalista trapanese.

La donna, in un lungo post su un gruppo che raccoglie gli abitanti della frazione trapanese di Fulgatore, dà la propria versione dei fatti nel merito dei quali, ovviamente, saranno le Autorità competenti ad entrare per appurare ogni tipo di eventuale responsabilità. Lo pubblichiamo integralmente.

“Sabato mattina mio marito stava andando al lavoro in campagna, questo cane malaticcio si è presentato davanti casa nostra. Miò marito più volte gli ha intimato di allontanarsi, ma il cane forse attratto dal cane di nostra proprietà, non ne voleva sapere. A questo punto, dato che lui sarebbe stato fuori tutto il giorno, temendo per la nostra incolumità, abbiamo fra l’altro una nipotina di 4 mesi a cui mia nuora fa fare delle passeggiate approfittando delle belle giornate, l’ha messo nel nostro recinto con il nostro cane, aspettando poi nel pomeriggio di decidere il da farsi. Io stessa a pranzo ho preparato da mangiare, come ogni giorno, per entrambi. Si vede che, nel frattempo, è passata qualche animalista e vedendo il cane malaticcio, ha chiamato Rizzi. Mio marito era appena arrivato, intorno alle 16.30, e loro erano già a casa mia con i Vigili urbani”.

“Rizzi – prosegue la donna – era con il suo avvocato e un ragazzo che faceva le riprese, non al cane ma a casa mia, riprendeva le targhe delle macchine, noi tutti e anche mia nuora con la bambina in braccio. Più volte gli è stato chiesto di non filmare, e di parlare da persone civili. Ma a loro questo non interessava, continuavano a filmare violando la legge sulla privacy. Del cane non gli importava.

A questo punto, mio marito già stava male di suo, anche perchè era stanco, l’amico di Rizzi si allontanava e continuava a filmare mandando il video in diretta, io ho purtroppo sbagliato. Ho preso la decisione, senza riflettere, di difendere la mia famiglia e soprattutto la mia nipotina, e cercavo di togliergli la telecamera dalle mani ma non ci sono riuscita. Sempre filmando e mandando il video in rete, in un secondo 1.500 persone avevano già visto il tutto, si sono allontanati verso la loro macchina e il cameraman si è rinchiuso dentro, e continuava a filmarci.

Rizzi ha chiamato l’ambulanza dicendo che stava male e uno dei vigili urbani, che mai hanno detto loro di smettere di filmarci, addirittura se n’è andato con l’ambulanza, ancora non ho capito il perchè.
Ha chiamato pure i Carabinieri di Trapani, infatti sono arrivate due pattuglie a sirene spiegate come se fosse successo chissà cosa, e ha detto loro che li avevamo aggrediti con bottiglie di vetro e una bombola a gas. Tutto inventato, niente di tutto questo era successo.
Ma lui è abituato a percorrere questo iter, in quanto dopo l’ambulanza, i Carabinieri, è pure andato al Pronto Soccorso a farsi refertare che stava male, addirittura accusava trauma cranico. Noi, tutta la famiglia pure stavamo veramente male, ma non abbiamo pensato a tutto ciò. Nel tutto, del cane nemmeno l’ombra.

Ha chiamato però un veterinario dell’ASP il quale ci ha informato che noi, in quanto il cane si trovava nel nostro recinto, dovevamo portarlo da un veterinario per farlo visitare. La legge dice così. L’abbiamo portato dal veterinario pagando una somma a mio parere abbastanza salata, ma l’abbiamo fatto. Ora, in attesa di una sistemazione per questo cane, noi ne abbiamo la tutela, e quindi mantenerlo e curarlo. Questo è tutto quello che abbiamo fatto per questo cane che non avevamo mai visto. Lui che cosa ha fatto se non filmare noi a casa nostra?

In più su di noi grava una denuncia penale, in quanto il cane si trovava nel nostro recinto. Infatti più tardi abbiamo appuntamento con il nostro legale, per farci consigliare sul da farsi. A dire il vero non avevamo bisogno, in questo specifico momento, di affrontare tutte queste spese, il tutto grazie al “signor Rizzi e la sua equipe”. Lui vive a quanto pare in questo modo. E a noi tocca la vergogna di tutto quello che ha fatto e in più affrontare delle spese che forse toccherebbero a lui, in quanto si dichiara ‘animalista’. Ringrazio comunque tutti, ancora una volta, di esserci vicini”.

Una carta sconto per gli studenti trapanesi [AUDIO]

Gli studenti grazie a questa Card potranno usufruire di illimitati vantaggi riservati, presso numerose attività trapanesi come bar, ristoranti, negozi, liberi professionisti e molto di più

Calcio, Trapani: riscattata l’opaca prestazione di domenica scorsa

Una vittoria importante per il morale della squadra e per la sicurezza nei suoi mezzi
La spaccatura netta del Partito Democratico con la contrapposizione tra la segreteria provinciale di Domenico Venuti e il deputato ARS Dario Safina apre a una discussione e i pentastellati provano ad insinuarsi
"Anche la Sicilia - prosegue il governatore - è stata teatro, tra il 1938 e il 1945, di quelle profonde ingiustizie"
Approvato in commissione bilancio all’ARS emendamento dei deputati Cristina Ciminnisi e Antonio De Luca del Movimento 5 Stelle
Venuti: "Quando la legge lo consente andiamo incontro ai cittadini"

Sabato 3 e domenica 4 dicembre il Day Zero di Etna Comics 2023

Appuntamento al centro commerciale Porte di Catania dalle 10 alle 20

L’esperta risponde: tutti i dubbi su gas e luce [Parte 4]

In settimana i lettori di Trapanisi.it hanno inviato alla nostra esperta alcune domande
A Trapani è possibile iscriversi al Liceo Coreutico presso l’istituto superiore Fardella-Ximenes
"L’appello che lanciamo alle Istituzioni e alle Autorità è quello di prendere celeri provvedimenti a tutela di una vita in evidente stato di precarietà e di pericolo", dice la presidente Aurora Ranno
Domani, organizzato dal circolo trapanese dell’Unione Donne Italiane, con il patrocinio del Comune di Erice, in occasione della Giornata della Memoria, l’evento di formazione dal titolo “Da dove parte il treno”
La mostra, organizzata dall'Associazione “Comunità Papa Giovanni XXIII", racconta l'esperienza della Lovato come missionaria in Libano e in giro per il mondo
Assolto “perché il fatto non sussiste” dal Tribunale di Trapani, l'ingegnere Simone Cusumano, già responsabile del Terzo settore del Comune di Castellammare del Golfo. Era accusato di abuso di ufficio
Tre cittadini di Pantelleria sono stati denunciati dai Carabinieri della locale Stazione per omessa custodia di armi e munizioni, porto abusivo di armi e accensioni ed esplosioni pericolose

Pollo all’arancia: la ricetta

Una nuova ricetta su Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Dottore, nuovo anno, nuovi propositi, ma perché procrastino?

Torna il blog Tienilo inMente del dottor Giuseppe Scuderi, psicologo clinico e digitale

Quei giorni in radio… [parte prima]

Negli anni Settanta e Ottanta la radio ha avuto un ruolo decisivo nella diffusione della musica e nell'intrattenimento

“Silenzio, esce la Corte”

La condanna definitiva: l’era di D’Alì è finita. Il silenzio di Trapani
Nei prossimi giorni presenterà alla città la nuova squadra
Oltre all'arma da fuoco con 5 cartucce, che ha la matricola abrasa, i Carabinieri hanno trovato un involucro con altre 20 munizioni dello stesso calibro
È stato un momento di confronto sulla piena attuazione dell’Autonomia regionale
L'assessore ieri ha giurato. “Accetto con entusiasmo e con grande senso di responsabilità questo ruolo"
Saranno stanziati 726 mila euro per mettere in atto iniziative e programmi di promozione sociale realizzati da organizzazioni e associazioni presenti sul territorio siciliano
La Giornata della Memoria sarà celebrata con la collocazione di "pietre d'inciampo" a Trapani, Alcamo e Valderice, da parte della prefetta Filippina Cocuzza

Torna la musica dance nelle classifiche: il fenomeno Kungs

Un nuovo post su Freedom, il blog di DJ Vince

Breve guida al Green Pass sui luoghi di lavoro dopo la fine dello stato...

Termina lo stato di emergenza, quali cambiamenti sono previsti? Torna "Il lavoro, spiegato bene", il blog del consulente del lavoro ed euro-progettista Sergio Villabuona

Legge di Bilancio 2023, le principali novità in materia di energia

Con la Legge di Bilancio 2023 il governo prosegue il lavoro iniziato dal precedente esecutivo con i cosiddetti “decreti Aiuti”