Caro bollette: il Comune di Trapani spegne le luci in segno di protesta

L’illuminazione di Torre di Ligny compresa la via torre di Ligny, la fontana del tritone, l’abbeveratoio comunale di via Conte Agostino Pepoli ed il porticato di Piazza Mercato del Pesce sarà spenta

L’Amministrazione comunale della Città di Trapani guidata dal Sindaco Giacomo Tranchida, ha deciso di aderire all’iniziativa dell’Anci Sicilia “I comuni siciliani spengono le luci di un monumento simbolo” per protestare contro il silenzio del governo, che non ha espresso alcun sostegno concreto agli enti locali che a partire dall’ultimo trimestre del 2021 si trovano a fronteggiare un notevole aumento dei costi per l’approvvigionamento dell’energia elettrica e del gas.

Il sindaco Giacomo Tranchida ha precisato che per esprimere disappunto ai silenzi del governo e sostegno all’iniziativa dell’Anci contro il caro bollette gas ed energia – che su più larga scala nazionale interessa anche famiglie, attività commerciali e imprese – domani, giovedì 10 febbraio, verranno spente l’illuminazione di Torre di Ligny compresa la via torre di Ligny, la fontana del tritone, l’abbeveratoio comunale di via Conte Agostino Pepoli ed il porticato di Piazza Mercato del Pesce.

Il sindaco e l’assessore alla Pubblica Illuminazione Safina ribadiscono inoltre come non sia possibile che il governo non si renda conto del fatto che l’indiscriminato aumento dei costi energetici rischi di paralizzare la spesa corrente dei comuni, con gravi ripercussioni per i servizi dei cittadini: non si possono pertanto chiedere ulteriori sacrifici agli enti locali.

L’assessore Safina ha precisato come a causa dei mancati interventi del governo, gli sforzi compiuti dall’amministrazione Tranchida per contenere i consumi energetici e dunque i costi, aumentando al contempo i servizi per i cittadini, che avrebbero dovuto iniziare a produrre effetti positivi a partire dal prossimo mese di marzo, rischino di essere pregiudicati, impedendo un risparmio di circa 600 mila euro. L’assessore Abbruscato ha invece evidenziato come l’amministrazione trapanese e quella di altri capoluoghi di provincia siciliani abbiano già chiesto di affiancare al tema del sostegno degli enti locali quello della difesa delle attività sociali e sportive, come ad esempio quelle delle ASD che gestiscono centri natatori, le quali – a causa del caro bollette, unitamente all’emergenza Covid – sono in ginocchio e non più in condizioni di svolgere il servizio, con grave nocumento per lo sport e per la comunità e per i giovani in particolare.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
"Per i lavori di urbanizzazione e delle opere fognarie attese ormai da più di trent’anni”
All'interpello può partecipare solo il personale ispettivo assunto prima del 31 dicembre 2023

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Anche quest’anno si è avuta un’importante partecipazione di pubblico
Ciminnisi: «Luogo simbolico delle nostre battaglie e punto di riferimento per i cittadini»
Gara 3 finisce 30 a 34 per il Brixen Sudtirol
L'oggetto era sulla battigia della spiaggia sotto le Mura di Tramontana