Carenza di medici e personale negli ospedali di Trapani e Castelvetrano, la Cgil chiede all’Asp potenziamento organici

"Pesanti e inevitabili le ricadute sulla qualità dell'assistenza sanitaria", dice il sindacato

Viene definita “preoccupante” la carenza di medici e di personale negli ospedali di Trapani e di Castelvetrano dalla Funzione Pubblica Cgil di Trapani, che, da oltre un anno, chiede al commissario dell’Asp di potenziare gli organici di alcuni reparti delle due strutture a tutela del personale, sovraccarico di lavoro, e dei cittadini.

In particolare, al “Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano a patire l’assenza di medici e di personale sanitario sono i reparti di Medicina interna, di Nefrologia e di Chirurgia. Qui, denuncia la Funzione pubblica Cgil, le condizioni di lavoro sono insopportabili con pesanti e inevitabili ricadute sulla qualità dell’assistenza sanitaria erogata.

“Gli ospedali – dice la Segretaria provinciale della Fp Cgil Caterina Tusa – sono in sofferenza, ma, ad oggi, le gravi criticità che abbiamo denunciato non hanno trovato alcuna soluzione”. A Castelvetrano, alla carenza di organico si aggiunge anche la scelta di declassare il reparto di chirurgia, un importante centro di riferimento per il bacino di utenza del territorio.

“Il progressivo depauperamento dell’ambito sanitario pubblico – dice la segretaria Tusa – rappresenta una ghiotta opportunità per l’imprenditoria sanitaria privata che potrebbe ottenerne promettenti profitti”.
Per la Funzione pubblica Cgil “la distribuzione del personale medico nell’intero ambito provinciale non è omogenea rispetto al bacino di utenza di alcune aree. A subire le conseguenze della pesante carenza di organico sono i medici, il personale e i pazienti, a cui dovrebbe essere garantita la qualità delle prestazioni”.

Situazione difficile anche al “Sant’Antonio Abate” di Trapani dove, nel reparto di Medicina interna, la Fp Cgil ha registrato episodi di ricoveri in sovrannumero rispetto ai posti disponibili.
“All’ospedale di Trapani – dice Tusa – vengono disattese le norme e i pazienti sono ospedalizzati in barella, in sedia a rotelle e persino ricoverati, in appoggio, in altri reparti, rispetto a quello di appartenenza. Tutto ciò – conclude – viola le norme assessoriali che regolano i ricoveri in overbooking e le comunicazioni in merito del capo dipartimento”.
Intanto, la Funzione pubblica Cgil ha chiesto, con una nota, alla Prefetta di Trapani di intervenire per far si’ che l’Asp provveda a incrementare gli organici a tutela del servizio sanitario pubblico del territorio trapanese.

Il “Battesimo di Cristo” dal pennello di Edoardo La Francesca [AUDIO]

Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
Il pittore trapanese ha dipinto la tela che adornerà la chiesa di San Giuseppe a Castellammare del Golfo
Nel 2024 si stima che saranno raccolte 3.504 tonnellate di imballaggi in acciaio, un +40,7% rispetto al 2023
Il segretario provinciale del Partito Democratico critico sulla riforma voluta dal governo nazionale

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile
Sarebbero state rimpinguate con sabbia proveniente da altri luoghi
Duo di producers multiplatino con più di tre milioni di ascoltatori mensili su Spotify