giovedì, Febbraio 29, 2024

Carcere di Trapani, poliziotto penitenziario sventa tentativo di suicidio di un detenuto

Il fatto è avvenuto ieri pomeriggio nel reparto "Adriatico"

Deve la vita all’intervento di un assistente capo della polizia penitenziaria il detenuto 33enne di origine magrebina che, ieri pomeriggio, ha tentato di togliersi la vita impiccandosi in una delle celle del Reparto “Adriatico” della Casa Circondariale “Pietro Cerulli” di Trapani

A darne notizia è Gioacchino Veneziano, Segretario della UILPA Polizia Penitenziaria: “Grazie alla competenza dell’operatore di Polizia Penitenzieria addetto alla vigilanza del piano detentivo – commenta il sindacalista – si è evitato il peggio”. L’assistente capo coordinatore ha tolto il cappio dal collo all’uomo che era già privo di sensi prestando il primo soccorso.

Scattato l’allarme sono sopraggiunti altri poliziotti e i sanitari in servizio nel carcere trapanese. Il detenuto è stato dichiarato fuori pericolo e non è stato necessario trasferirlo in ospedale.
Il 45enne poliziotto penitenziario che è intervenuto ha alle spalle oltre vent’anni di servizio, di cui dieci ​nei reparti detentivi del carcere di Trapani.

“Non possiamo che complimentarci con il poliziotto del Pietro Cerulli di Trapani – prosegue Veneziano – che, senza ombra di smentita, ha messo in campo non comuni doti di coraggio, freddezza e capacità d’intervento, confermando la grande professionalità della Polizia Penitenziaria del carcere trapanese che, pur con gravi lacune di organico, con la mancanza di un Direttore in pianta stabile, del Comandante del Nucleo Operativo del Servizio Traduzioni e Piantonamenti in servizio effettivo, riesce a garantire l’esecuzione del proprio mandato”.

Plauso al poliziotto e ai suoi colleghi è stato espresso dal capo del Dap Dino Petralia, che ha lo ha raggiunto telefonicamente, e anche da Pino Apprendi, presidente di Antigone Sicilia, che nei giorni scorsi, insieme ad altri due rappresent­anti dell’Osservator­io carceri dell’associazione a alla deputata Rosalba Cimino del Mo­vimento 5 Stelle, ha­nno visitato le​ ca­rceri​ di Caltaniss­etta, Sciacca e Trap­ani.
La delegazione ha segnalato, fra le criticità riscontrate, il maggiore disagio patito dai detenuti stranieri, spesso senza la famiglia vicino, che sperimentano serie diffi­coltà: dalla ma­ncanza dei colloqui all’impossibi­lità di comunicare i propri problemi per l’assenza dei medi­atori culturali in grado di comprendere la loro lingua e le loro necessità e farsene portavoce.

Fondo di progettazione, via libera ai contributi per tutti i Comuni siciliani

L'assessore Aricò: «Sostegno alle amministrazioni locali per crescita e sviluppo»
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre
Coinvolte dodici persone che si occuperanno della cura del Verde a Favignana
"Impossibile garantire alla comunità una regolare distribuzione idrica con mezzi alternativi"
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera
Un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittadina
Con le donne migranti del centro SAI e l'associazione Il Mulino
Si tratta di sistemi di ancoraggio e relitti potenzialmente pericolosi per ecosistema e bagnanti