Campobello, i migranti ospitati al “Fontane d’oro” dovranno allontanarsi entro l’11 giugno

I moduli abitativi presso l'ex oleificio sono destinati solo all’accoglienza dei lavoratori migranti stagionali

I migranti che sono stati temporaneamente ospitati all’interno della sede dell’ex oleificio “Fontane d’Oro”, a seguito dello sgombero dell’accampamento abusivo dell’ex cementificio “Calcestruzzi Selinunte”, dovranno trovare una adeguata sistemazione abitativa entro l’11 giugno.

È quando stabilito dall’ordinanza dei sindaco Giuseppe Castiglione con l’obiettivo di scongiurare che all’interno dell’ex oleificio, destinato all’accoglienza dei lavoratori migranti stagionali, possano riprodursi i fenomeni di spaccio di stupefacenti e di sfruttamento della prostituzione e altri episodi di illegalità si erano verificati nell’ex cementificio sgomberato nel vicino territorio di Castelvetrano.

Come previsto dalla legge nazionale, infatti, le persone straniere che hanno titolo a vivere sul territorio italiano e che intendano rimanervi hanno anche l’obbligo di procurarsi un idoneo alloggio, essendo vietata ogni forma di occupazione abusiva e di bivacco.

Per dare il tempo di trovare un’adeguata soluzione abitativa, i circa 40 migranti in regola con i permessi di soggiorno sfollati sono temporaneamente ospitati nei prefabbricati donati dall’Unhcr per il campo stagionale che viene gestito dal Comune esclusivamente per l’accoglienza dei lavoratori migranti impiegati nella stagione della raccolta delle olive.

«Il fenomeno che ci troviamo a gestire oggi – spiega il sindaco Castiglione – non ha nulla a che vedere con l’attività agricola locale. Nessuno dei 40 migranti che abbiamo temporaneamente accolto è in possesso di un contratto di lavoro e, com’è noto, purtroppo, l’ex cementificio di contrada Bresciana era diventato un luogo di degrado, dove si consumavano pericolose attività illecite. In assenza di un presidio di sicurezza, non possiamo rischiare che “Fontane d’oro” diventi una nuova piazza di spaccio e prostituzione a Campobello. Pertanto, avendo condiviso queste preoccupazioni con sua ecce di Trapani, ho ritenuto di adottare il prov».

Trapani: Comune “al verde” e il Verde piange [EDITORIALE]

Il privato interviene abusivamente, il pubblico piange miseria ed a farne le spese sono solo le piante inermi
Si tratta di una donna di origine venezuelana, rintracciata in un hotel a Mazara del Vallo
Mentre si lavora per risolvere i guasti, installati due generatori mobili
Ottenuto un finanziamento di 30.000 per attività di controllo e prevenzione durante la stagione estiva
Arriva da svincolato e ha sottoscritto un contratto biennale
Iniziativa per la valorizzazione delle chiese appartenenti al Fondo Edifici per il Culto
Dal 14 al 30 luglio si terranno 10 diversi concerti, tutti con inizio alle 21:30 e a ingresso gratuito
La società mette a disposizione diversi alloggi nelle mete più ambite d'Italia
Il festival letterario che promuove le produzioni editoriali è giunto alla sua quarta edizione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Il restauro realizzato grazie alle somme del Fondo per l’edilizia di culto del Ministero dell’Interno
Il colonnello Roberto Nunziante succede a Michelangelo Genchi
Esibizioni del Coretto Informale e del duo pianistico Betz-Gervasi
Un viaggio affascinante tra le pieghe del noir mediterraneo, esplorando il legame tra parola scritta e immagine televisiva e cinematografica
Fuoco in un deposito di gomme e nel bosco Scorace
"Un mantenimento degli obiettivi importante", commenta il presidente di Airgest Salvatore Ombra
Possibilità di collaborazione con la Diocesi per la formazione professionale di giovani immigrati