Campobello di Mazara: il 10 agosto la rievocazione storica “Redemptione dei captivi”

È basata su fatti realmente accaduti e narra del salvataggio dei fuggiaschi cristiani nel litorale di Capo Granitola

Prende il via il cartellone estivo patrocinato dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Castiglione con l’evento “La Redemptione dei Captivi” – Rievocazione storica del salvataggio dei fuggiaschi cristiani nel litorale di Capo Granitola, che si terrà mercoledì 10 agosto, alle ore 22, nella piazzetta di Torretta Granitola.

La rappresentazione riguarda episodi effettivamente accaduti nel XVI secolo lungo il litorale selinuntino. I “captivi” erano i prigionieri schiavi dei turchi che talvolta riuscivano a fuggire dal nord Africa e approdavano nelle nostre coste poste sotto la custodia delle torri di avvistamento, una delle quali dà appunto il nome alla borgata marinara di Campobello.

La rievocazione, liberamente tratta dal volume “Turchi Torri e Torrari” del prof. Francesco Saverio Calcara, è il frutto della ricerca e dell’impegno del Centro Studi Usi Costumi e Tradizioni Medievali di Castelvetrano che, sotto la direzione artistica di Anna Gelsomino, intende fare rivivere una pagina della nostra storia particolarmente significativa e toccante.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
Ieri il collegamento in diretta con Roma per la Giornata Mondiale dei Bambini
All'interpello può partecipare solo il personale ispettivo assunto prima del 31 dicembre 2023
Anche quest’anno si è avuta un’importante partecipazione di pubblico

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
Ciminnisi: «Luogo simbolico delle nostre battaglie e punto di riferimento per i cittadini»
L'oggetto era sulla battigia della spiaggia sotto le Mura di Tramontana