Calatafimi Segesta, il 4 ottobre si terrà la “Giornata Diocesina del Creato”

L'incontro si terrà presso il Castello Eufemio dove sarà presente anche il Vescovo Pietro Maria Fragnelli

Gli incendi hanno devastato il territorio siciliano nel corso di questa estate, in particolare, in provincia di Trapani, hanno recato grandi danni quelli divampati sulle colline di Segesta.

Per stare vicino alle vittime, la Diocesi di Trapani, di comune accordo con il Comune di Calatafimi Segesta e il Parco archeologico di Segesta, si celebrerà la “Giornata Diocesana del Creato 2023”.

Si tratterà di un momento di riflessione con musica e poesie, dove saranno presenti anche gli alunni dell’Istituto “Francesco Vivona”, il Vescovo di Trapani Pietro Maria Fragnelli, il Sindaco Francesco Gruppuso e il presidente del Parco archeologico di Segesta Luigi Biondo.

L’incontro si terrà il prossimo mercoledì 4 ottobre presso il Castello Eufemio a partire dalle ore 10.

Fileccia v/s Barbara, polemica a suon di “Pop Fest” [AUDIO e VIDEO]

Barbara "In estate tornerà la ruota panoramica", Fileccia "Se è così, la prossima festa di capodanno la organizzo io!"
Sono il 51enne Francesco Marchese, la 43enne Giuseppa Valentina Piccione e la 43enne Donatella Ingardia
Non metteva post pubblici, ma utilizzava molto la messaggistica privata
Sabato 28 e domenica 29 aprile nella piazza ex Mercato del pesce
"Su altre opere candidate dal Comune di Trapani si aprirà un tavolo di confronto con la governance della ZES"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Gli studenti di alcune scuole primarie parteciperanno ad una visita teatralizzata
Dopo la notifica della misura della custodia cautelare in carcere aveva accusato un malore