Bonus lavoratori domestici, al via le domande

L'indennità, corrisposta una tantum, ed è rivolta oltre che ai lavoratori domestici, anche ad altre categorie

Un bonus di duecento euro per le lavoratrici e i lavoratori domestici. A rendere noto il decreto legge 50/2022 è l’Inca Cgil di Trapani che invita coloro che rientrano nella misura prevista dal Governo a recarsi nelle sedi del Patronato Inca Cgil di Trapani e del territorio.

In particolare, l’indennità, che sarà corrisposta una sola volta, è rivolta ai lavoratori domestici che svolgono uno o più rapporti di lavoro alla data di entrata in vigore del decreto (18 maggio 2022), ma anche ai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa i cui contratti sono attivi alla data di entrata in vigore del decreto e iscritti alla Gestione separata che hanno un reddito derivante da tali rapporti non superiore a 35.000 euro per l’anno 2021, ai lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti, che nel 2021 abbiano svolto la prestazione per almeno 50 giornate con un reddito non superiore a 35 mila euro per l’anno 2021, ai lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello Spettacolo che; nel 2021, abbiano almeno 50 contributi giornalieri versati e un reddito non superiore a 35 mila euro per l’anno 2021, ai lavoratori autonomi, privi di partita Iva, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie che, nel 2021 sono stati titolari di contratti autonomi occasionali (articolo 2222 del Codice civile).

Per questi contratti deve risultare, per il 2021, l’accredito di almeno un contributo mensile e i lavoratori devono essere già iscritti, alla data di entrata in vigore del decreto, alla Gestione separata, agli incaricati alle vendite a domicilio con reddito nell’anno 2021 derivante dalle stessa attività superiore a 5 mila euro e titolari di partita Iva attiva e iscritti alla data di entrata in vigore del decreto alla Gestione separata.

“Si tratta – dice il direttore dell’Inca Cgil di Trapani Gaspare Galfano – di un sostegno irrisorio in rapporto all’aumento del costo della vita. Ciò nonostante è una opportunità che non va persa. Per i lavoratori domestici la
domanda potrà essere trasmessa all’Inps dagli operatori del nostro Patronato Inca.
Per saperne di più e per compilare la domanda ci si può rivolgere alle sedi Inca Cgil di Trapani in via Garibaldi 77, telefono 0923 28377, di Alcamo in via Torquato Tasso 23, telefono 0924 26864, di Castelvetrano in via Garibaldi 44, telefono 0924 902618, di Marsala in corso Calatafimi 78, 0923 953059 e di Mazara del Vallo, in via Gian Giacomo Adria 32, telefono 0923 948898.

L’almanacco di oggi mercoledì 24 aprile 2024

In questa rubrica tutto quello che c'è da sapere sulla giornata di oggi
Siciliano, lascia la guida della Questura di Imperia
Il provvedimento riguarda la vendita di alcolici e la diffusione di musica
Residente a Santa Ninfa, si era ferito ieri ed è rimasto tutta la notte all'addiaccio
Si lavora per individuare e definire strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno
L'indagine riguarda un intero nucleo familiare, radicato nel quartiere San Giuliano
L'appuntamento per la provincia di Trapani è previsto per il 19 maggio al Museo di Arte Contemporanea di Alcamo
Si tratta di circa tremila lavoratori potranno essere assunti da Enti locali, ASP e Aziende ospedaliere
L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani ha espresso la propria indignazione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
"Superare la precarietà nei contratti di lavoro e di rendere più sicuro il lavoro nel sistema degli appalti"
Il sindaco Forgione: "Dopo decenni di attesa ci avviamo alla conclusione dell'iter"
Il deputato regionale ribatte alle dichiarazioni del segretario provinciale e della presidente dell'Assemblea
Esprime delusione e scoramento per il clima politico nel massimo consesso cittadino