Bomba trovata a Pantelleria, domani il disinnesco

Evacuati circa 1.500 residenti nella zona interessata dalle operazioni

Si svolgeranno domani, 11 febbraio, le operazioni di disinnesco e neutralizzazione della bomba d’aereo americana rinvenuta lo scorso 17 gennaio a Pantelleria.

Tutte le informazioni ai cittadini dell’isola sono già state fornite dal Comune attraverso l’emanazione di due ordinanze e la consegna, porta a porta, di un volantino. Nell’area interessata dall’evacuazione risiedono circa 1500 persone.

Da quanto annunciato, l’evacuazione dalle abitazioni ubicate nel raggio di sicurezza di 470 metri dal punto di ritrovamento dell’ordigno, in via Roma, inizieranno alle ore 7.30. Saranno chiuse le 13 strade di accesso a quest’area attraverso le quali sarà consentita solo l’uscita. Si tratta di via San Nicola (tratto tra via Rocche e Kazen), via Dante Alighieri (tratto tra Corso Umberto e via La Fiscale), via Cuddia Bruciata (tratto tra via Cossyra e via Velcimursà), via Santa Chiara (tratto tra via Campobello e via La Villa), via Rosalia/via San Leonardo, via De Amicis, via Milano, via Manzoni e il Lungomare Borsellino/via Falcone.

Entro le ore 9 tutti i residenti dovranno allontanarsi dall’area. Deroghe sono state concesse solo a persone impossibilitate a muoversi per motivi psico-fisici e sanitari. I cittadini dovranno dirigersi verso aree periferiche o contrade. Chi non potesse allontanarsi autonomamente dovrà presentarsi al punto di raccolta organizzato davanti all’Ufficio Postale. Lì alcuni mezzi di trasporto porteranno le persone nelle aree di accoglienza (scuola di Santa Chiara, scuola media e aerostazione).

L’intervento di bonifica dell’ordigno, del peso di 500 libbre, da parte degli specialisti del IV Reggimento Genio Guastatori di Palermo insieme alla Marina Militare, sarà seguito, alla Prefettura di Trapani, dal Centro di Coordinamento Soccorsi (CCS) a cui partecipano rappresentanti dell’amministrazione comunale dell’isola, del Reggimento, del Nucleo SDAI, della Questura, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco e di tutti gli altri soggetti istituzionali coinvolti.

Il Centro coordinamento soccorsi sarà in stretto contatto con la cabina di regia istituita a Pantelleria sul luogo del disinnesco dell’ordigno e di ogni operazione e/o fase sarà anche data immediata comunicazione con la pubblicazione in tempo reale sull’home page del sito internet della Prefettura.

Una volta rimossa la spoletta e resa innocua la bomba, gli artificieri dell’Eercito consegneranno l’ordigno alla Guardia Costiera che lo trasporterà fino al Molo Toscano e poi in mare per il brillamento. Quest’ultima operazione, però, è a rischio a causa delle condizioni meteomarine che attualmente sono proibitive.

Quando Turandot, senza musica e salsiccia… tifa Spagna [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Natale Pietrafitta dell'Ente Luglio e Massimiliano Mazzara di Trapani Food Fest
La presidente di "Nessuno tocchi Caino" sottolinea anche la mancanza di poliziotti penitenziari in servizio
Grazie ad un finanziamento di circa 6milioni 900mila di euro di fondi del Pnrr
Primo appuntamento della rassegna letteraria giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
La signora Marika ha scritto a "dillo a TrapaniSì"
Focus su libertà d’espressione ma anche su libertà dalla povertà e libertà dalla paura della guerra
Ne abbiamo parlato con Natale Pietrafitta dell'Ente Luglio e Massimiliano Mazzara di Trapani Food Fest
Tre giovani di prospettiva che vanno ad arricchire la rosa a disposizione di Torrisi
A inaugurare la nuova edizione è stata la cantante Simona Trentacoste

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione