Bilancio, M5S all’Ars: “Armao mediti sulle dimissioni”

I deputati Cinquestelle Di Paola e Zafarana: “Da mesi proponiamo soluzioni al governo regionale ma non ci hanno mai ascoltati. Anziché tagliare gli sprechi adesso taglieranno servizi essenziali”

“Già un mese e mezzo fa mettevamo in guardia il governo regionale e l’opinione pubblica sul buco milionario dei conti della Regione proponendo delle misure alternative che potessero risparmiare ai siciliani tagli ai servizi essenziali. Ovviamente con l’ormai consueta superficialità Armao e Musumeci non ci hanno degnato di ascolto, salvo adesso correre ai ripari con variazioni di bilancio che taglieranno soldi e servizi soprattutto per le categorie più fragili. Chissà se Armao mediterà sulle sue dimissioni”. A dichiararlo sono i deputati regionali del Movimento 5 Stelle Nuccio Di Paola e Valentina Zafarana che, dati alla mano, tornano ad incalzare il governo regionale e l’assessorato al Bilancio suggerendo tagli a sprechi e partecipate per colmare le minori entrate relative alle imposte dovute alla pandemia.

“Mancano all’appello circa 65 milioni di euro per l’esercizio finanziario in corso – spiegano i deputati – che per colpa di Armao e Musumeci saranno sottratti ai servizi essenziali per i cittadini. La situazione sarà gravissima nel 2022 quando mancheranno all’appello oltre 900 milioni. Cosa taglieranno Musumeci e Armao? Gli sprechi e le partecipate? Assolutamente no. Anzi a subire la sforbiciata saranno ancora una volta i servizi essenziali: Si va dai 3 milioni in meno per opere pubbliche nelle zone colpite da eventi calamitosi, ai 7 milioni (su 8) tolti ai talassemici, ai 17,5 (su 19) tolti ai comuni per il ricovero dei minori disposto da autorità giudiziaria, ai 13,5 milioni (su 15) sottratti alle comunità alloggio per i pazienti dimessi da ospedali psichiatrici giudiziari. E ancora, tolti 8 milioni (su 9) al fondo unico per lo spettacolo, 2 milioni (tutti) per i contributi a famiglie meno abbienti, 17 milioni (su 19) ai fondi per obbligo scolastico, 58 milioni (su 65) al trasporto verso le isole minori, 28 milioni (su 32) all’attività di assistenza agli alunni con disabilità, 84 milioni al trasporto pubblico locale, 77 milioni (su 145) al fondo disabili, 233 milioni su 311 al fondo per i Comuni, 51 milioni (su 101) alle province. E inoltre, azzerati gli 8 milioni di contributi ai comuni per il trasporto alunni, ridotti da 10 a 4 milioni gli stanziamenti per la continuità territoriale e da 7,5 milioni a 3,5 quelli per il Reddito minimo di inserimento. Se Armao vorrà godersi l’estate, mediti sulle dimissioni” – concludono Di Paola e Zafarana.

L’almanacco di oggi mercoledì 24 aprile 2024

In questa rubrica tutto quello che c'è da sapere sulla giornata di oggi
In questa data si celebrano la fine dell'occupazione nazifascista e la Resistenza
Forgione: "Il mondo deve ripudiare la guerra sempre e comunque"
Dal 26 al 29 aprile nel centro storico cittadino
Il provvedimento riguarda la vendita di alcolici e la diffusione di musica
L'appuntamento per la provincia di Trapani è previsto per il 19 maggio al Museo di Arte Contemporanea di Alcamo
Si tratta di circa tremila lavoratori potranno essere assunti da Enti locali, ASP e Aziende ospedaliere
L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani ha espresso la propria indignazione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
La sentenza con la formula “perché i fatti non costituiscono reato”
"Superare la precarietà nei contratti di lavoro e di rendere più sicuro il lavoro nel sistema degli appalti"
Il sindaco Forgione: "Dopo decenni di attesa ci avviamo alla conclusione dell'iter"
Si lavora per individuare e definire strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno
Il deputato regionale ribatte alle dichiarazioni del segretario provinciale e della presidente dell'Assemblea
Esprime delusione e scoramento per il clima politico nel massimo consesso cittadino