Battaglia delle Egadi: i rostri in bronzo di Levanzo svelano solo l’inizio

Le recenti scoperte nella Battaglia delle Egadi aprono la strada a ricerche straordinarie nel sito storico, promettendo di svelare segreti nascosti e ampliare la conoscenza della storia marittima siciliana

Gli archeologi ed esperti sono certi che i due rostri in bronzo recentemente rinvenuti a Levanzo, nel sito della Battaglia delle Egadi, rappresentano solo l’inizio di una serie di scoperte. Le ricerche nel sito della battaglia continueranno per molti anni a venire e potrebbero riservare grandi sorprese. Queste considerazioni sono emerse durante un incontro svoltosi all’ex Stabilimento Florio nell’ambito delle Serate alla Tonnara, un evento organizzato dalla Soprintendenza del Mare della Sicilia in collaborazione con la Società per la Documentazione dei Siti Sommersi, il Comune di Favignana e l’Area Marina Protetta delle Egadi.

Secondo Ferdinando Maurici, soprintendente del Mare della Sicilia, è probabile che i due rostri non rappresentino gli ultimi reperti recuperati. L’area delle Egadi è stata un punto di passaggio importante nel corso dei secoli, quindi ci si può aspettare reperti sia relativi alla Battaglia delle Egadi che a epoche diverse.

Roberto La Rocca, archeologo subacqueo della Soprintendenza del Mare, ha sottolineato che le recenti scoperte sollevano nuove domande che richiederanno ulteriori indagini. L’obiettivo è comprendere meglio le dinamiche della battaglia e contribuire a scrivere una nuova pagina della storia siciliana.

Francesca Oliveri, archeologa coinvolta nelle ricerche, ha notato che ogni anno porta nuove sorprese e nuovi reperti. Ogni scoperta aggiunge tasselli alla comprensione del sito e della battaglia.

Mario Arena, coordinatore della Società per la Documentazione dei Siti Sommersi, ha sottolineato che le ricerche continueranno per decenni. Vista la vastità del sito e l’enormità della battaglia, si prevede di recuperare ancora molti reperti.

L’ex Stabilimento Florio di Favignana avrà un ruolo centrale in queste ricerche. Il Comune di Favignana sta pianificando di ampliare lo spazio dedicato alla musealizzazione per accogliere i futuri reperti recuperati. Inoltre, si sta lavorando a un progetto che coinvolgerà i giovani egadini, permettendo loro di svolgere il ruolo di guide e partecipare a laboratori legati al patrimonio e alla storia dell’area.

Le ricerche e le scoperte nel sito della Battaglia delle Egadi rappresentano un importante contributo alla comprensione della storia e del patrimonio marittimo della Sicilia, e si prevede che continueranno a offrire nuove informazioni nei prossimi decenni.

Altro che sindaco o assessore, a Trapani decidono i topi [AUDIO]

Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Intervista all'assessore Emanuele Barbara e a Livio Marrocco presidente di Nova Civitas
Con Ornella Fulco parliamo del primo appuntamento della rassegna letteraria di questa sera, giovedì 18 luglio al Teatro comunale di Valderice
Nascondeva una pistola d avrebbe messo a disposizione del boss un garage trasformato in appartamentino
Si tratta del terzo spettacolo in cartellone e si terrà al Salotto Culturale Insonnia il 24 luglio
L'autrice firmerà il suo libro “Granita e baguette”, nuovo “capitolo” della saga delle Signore di Monte Pepe
Lo scrittore trapanese torna a trattare in chiave romanzata lo scottante tema della violenza sulle donne
Ne parliamo con la professoressa Giovanna Parisi, coordinatrice del corso di laurea in Biodiversità e Innovazione Tecnologica

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Si prosegue, fino al 20 luglio, con un ricco programma di proiezioni a cielo aperto, incontri e dibattiti, degustazioni e spettacoli
Due mesi di concerti, spettacoli e performance che abbracciano sette secoli di storia musicale, dal Medioevo al Barocco
Schifani: «Ordinanza per tutelare la salute degli addetti più a rischio»