Bandi Crias per le imprese artigiane siciliane, Turano: «40 milioni di euro per la ripresa post pandemia»

Due i bandi, uno da 6 milioni di contributi a fondo perduto e l'altro da 34 milioni di euro

Quaranta milioni di euro per sostenere le imprese artigiane della Sicilia colpite dall’emergenza Covid previsti dal “Fondo per la ripresa artigiani”. L’iniziativa è stata presentata questa mattina nella sede dell’Assessorato alle Attività produttive dall’assessore Mimmo Turano, dal commissario straordinario della Crias, Giovanni Perino, e dalla direttrice della Crias, Lorenza Giardina.

Due i bandi, uno da 6 milioni di contributi a fondo perduto per dare liquidità alle imprese artigiane, e l’altro da 34 milioni di euro a valere sul Fondo regionale di sviluppo europeo Po Fesr Sicilia 2014-2020 e servirà finanziare progetti di investimenti volti a migliorare la competitività delle imprese, introduzione di soluzioni innovative e miglioramento delle strategie commerciali. Queste risorse potranno finanziare oltre 5 mila imprese artigiane dotate dei requisiti necessari.

«Con questi due bandi del fondo ripresa artigiani raggiungiamo un duplice risultato – ha sottolineato l’assessore Turano – il primo è quello di essere realmente al fianco delle imprese artigiane siciliane duramente provate dalle chiusure dei mesi passati e che adesso hanno bisogno di liquidità per affrontare la ripresa. Il secondo risultato non trascurabile riguarda la Crias, che abbiamo pienamente messo a regime negli anni passati e che adesso può e deve essere un player importante e affidabile nel campo del credito agevolato per il mondo artigiano».

Sarà infatti la Cassa Regionale delle Attività produttive, ente in house della Regione Siciliana, a gestire l’erogazione del contributo volto a dare ossigeno alle imprese artigiane che hanno ridotto il loro fatturato e anche a incrementare la produzione, introdurre innovazioni e garantire una formazione specialistica.

«La Crias, dopo il riconoscimento dell’Anac e la pubblicazione di questi bandi, diventa una importante protagonista della strategia della Regione di sostegno alle categorie produttive. L’ambizione è non fermarsi qui, anche perché, quando rientreranno le somme in ammortamento, queste alimenteranno il fondo unico della Crias», ha spiegato Giovanni Perino, commissario straordinario dell’ente.

«I tempi per il contributo a fondo perduto saranno abbastanza brevi – ha assicurato Lorenza Giardina, direttrice della Crias – perché la valutazione delle domande per il primo bando sarà fatta sulla base della certificazione che rilascerà la banca, dunque non ci sarà una istruttoria complessa da fare se non la verifica di determinati requisiti. Ritengo che entro il mese di agosto le istanze relative al primo bando saranno esitate. Per il resto, occorrerà una istruttoria un po’ più complessa, preventiva alla presentazione del progetto, ma vedremo di contrarre al massimo i tempi per l’erogazione. Entro fine anno le imprese riceveranno questi ristori».

A beneficiare del finanziamento saranno le imprese artigiane con sede legale o operativa in Sicilia, iscritte all’Albo delle imprese artigiane presso le Camere di commercio e che non risultano sospese o inattive, che non siano in stato di liquidazione o fallimento, con un numero di addetti non superiore a 5 e un utile netto al 2019 fino a 30 mila euro.

Il primo bando prevede un contributo che sarà erogato a fondo perduto fino ad un massimo di 2 mila euro, a rimborso del 100 per cento delle spese sostenute dalle imprese a partire dall’8 aprile 2021 e attestate dall’Istituto di credito.

Diverse le modalità procedurali per il bando della misura 3.1.1_08a con una dotazione finanziaria di 34 milioni di euro. Il finanziamento del progetto sarà a tasso agevolato per dieci anni, di cui 12 mesi di preammortamento, e coprirà l’80 per cento del costo del progetto (compreso fra 10 e 50 mila euro) ritenuto ammissibile, mentre il contributo a fondo perduto sarà nella misura del 20 per cento del finanziamento concesso (fino ad un massimo di 5 mila euro).

Fra le tipologie di spese ammissibili per il progetto, l’acquisto di macchinari, attrezzature, arredi, impianti nuovi di fabbrica e necessari al ciclo produttivo; la ristrutturazione e manutenzione del laboratorio (fra cui migliorie del laboratorio in termini di ristrutturazioni edilizie, restauro, manutenzione straordinaria, adeguamento locali alle misure anti-Covid); l’acquisto di software, brevetti, licenze e soluzioni tecnologiche necessarie allo svolgimento dell’attività; gli acquisti per realizzare e implementare strategie di marketing e azioni commerciali e, ancora, i costi per la formazione specialistica del personale collegata agli investimenti.

Le domande per il primo bando dei contributi a fondo perduto possono essere presentate dal prossimo 4 agosto e saranno valutate con procedura automatica. Le istanze del secondo bando per il finanziamento dei costi del progetto potranno essere presentate a partire dal 7 settembre e seguiranno una procedura valutativa a sportello. In entrambi in casi le istanze vanno inviate attraverso la piattaforma dedicata sul sito della Crias, www.crias.it.

L’almanacco di oggi mercoledì 24 aprile 2024

In questa rubrica tutto quello che c'è da sapere sulla giornata di oggi
In questa data si celebrano la fine dell'occupazione nazifascista e la Resistenza
Dal 26 al 29 aprile nel centro storico cittadino
Siciliano, lascia la guida della Questura di Imperia
Il provvedimento riguarda la vendita di alcolici e la diffusione di musica
L'appuntamento per la provincia di Trapani è previsto per il 19 maggio al Museo di Arte Contemporanea di Alcamo
Si tratta di circa tremila lavoratori potranno essere assunti da Enti locali, ASP e Aziende ospedaliere
L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani ha espresso la propria indignazione
Residente a Santa Ninfa, si era ferito ieri ed è rimasto tutta la notte all'addiaccio
La sentenza con la formula “perché i fatti non costituiscono reato”

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
"Superare la precarietà nei contratti di lavoro e di rendere più sicuro il lavoro nel sistema degli appalti"
Il sindaco Forgione: "Dopo decenni di attesa ci avviamo alla conclusione dell'iter"
Si lavora per individuare e definire strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno
Il deputato regionale ribatte alle dichiarazioni del segretario provinciale e della presidente dell'Assemblea
Esprime delusione e scoramento per il clima politico nel massimo consesso cittadino
Nell'ambito di controlli effettuati in un'azienda di Mazara del Vallo