Avvio anno scolastico, il messaggio del sindaco di Trapani

A studenti, famiglie, docenti, dirigenti e operatori scolastici

Si rivolge “Alle bambine e ai bambini, alle ragazze e ai ragazzi, ai genitori e ai dirigenti scolastici, agli insegnanti ed agli operatori della scuola” il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida, oggi, per l’avvio dell’anno scolastico 2023/2024.

“Auguro agli scolari più piccoli che stanno iniziando il cammino dell’apprendimento scolastico e a tutta la Comunità scolastica – scrive il primo cittadino – un percorso all’insegna della normalità e della riscoperta degli autentici valori educativi. Ma, prima di ogni altra riflessione, miei Cari tutti, sento di dover scusarmi, unitamente all’Amministrazione da me guidata, per non essere riuscito a realizzare nel decorso anno, per diversi motivi burocratici, quegli interventi di ammodernamento, messa in sicurezza ed efficientamento di taluni edifici scolastici e palestre, così come speravamo di fare, avendo in questi anni conquistato tanti finanziamenti dedicati”.

“Però – e questo è un impegno – l’anno che sta per iniziare non passerà senza che i tanti interventi, già cantierabili o cantierati, non si avviino a realizzazione. Inevitabilmente – prosegue Tranchida – vivremo qualche disagio ma, nel medio periodo, avremo anche a Trapani scuole più belle e sicure”.

“Per tutti coloro che accedono per la prima volta in una aula scolastica o che vi tornano – dice il sindaco di Trapani – sia oggi un primo giorno gioioso ed accogliente, un giorno da ricordare sia per chi intraprende una nuova sfida, che per gli altri studenti ben felici di ritrovarsi con i loro compagni. E sia un giorno da ricordare anche per tutti gli operatori scolastici responsabilmente impegnati a sostenere e accompagnare il percorso educativo/formativo e di crescita dei nostri figli, e per la Dirigenza che riprenderà a confrontarsi con le criticità giornaliere sentendo il peso e la responsabilità di guidare una macchina complessa e difficile ma, nel contempo stimolante e fondamentale per il bene della nostra Comunità e della Società tutta”

“Ai genitori – prosegue Tranchida – mi permetto di raccomandare di stare sempre vicini ai vostri figli e alla classe insegnante, alleandovi con essa per costruire un sistema educativo “complice” che aiuterà i nostri giovani ad essere protagonisti di comunità più consapevoli, accoglienti e fondate sul reciproco rispetto; principi fondamentali della convivenza civile ma che oggi necessitano ancor più di essere rivalutati e, perché no, insegnati. A voi ragazzi auguro di godervi appieno e con entusiasmo l’età della scuola che talora sembra troppo lunga e pesante ma che, da adulti – chiedete ai vostri genitori – poi ricorderete con tenerezza e… Rimpiangerete l’odore delle aule scolastiche”.

“Desidero chiudere il mio odierno messaggio augurale – termina Tranchida – permettendomi di far mio e di trasferirlo a tutti gli insegnanti un pensiero di Papa Francesco che trovo davvero significativo e cogente con il nostro tempo. “…Vi chiedo di amare di più gli studenti ‘difficili’, quelli che non vogliono studiare, quelli che si trovano in condizioni di disagio, i disabili e gli stranieri, che oggi sono una grande sfida per la Scuola. E ce ne sono di quelli che fanno perdere la pazienza… Gesù direbbe: se amate solo quelli che studiano, che sono ben educati, che merito avete? Qualsiasi insegnante si trova bene con questi studenti. In una società che fatica a trovare punti di riferimento è necessario che i giovani trovino nella Scuola un riferimento positivo. Essa può esserlo o diventarlo se al suo interno ci sono insegnanti capaci di dare un senso alla Scuola, allo studio e alla cultura, senza ridurre tutto alla sola trasmissione di conoscenze tecniche ma puntando a costruire una relazione educativa con ciascuno studente che deve sentirsi accolto ed amato per quello che è, con tutti i suoi limiti e le sue potenzialità. Per trasmettere contenuti è sufficiente un computer, per capire come si ama, quali sono i valori, e quali le abitudini che creano armonia nella società ci vuole un buon insegnante”.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Disposta una seria di servizi straordinari delle Forze dell'ordine e altri Enti
Direttiva a Comuni e gestori del sevizio idrico per assicurare erogazione idrica prioritaria
Sarà l'occasione per scoprire il paesaggio incontaminato, dove la natura ha ripreso il sopravvento, dopo il devastante incendio di un anno fa
Un'opportunità per affrontare i temi cruciali della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile
Sarebbero state rimpinguate con sabbia proveniente da altri luoghi
Duo di producers multiplatino con più di tre milioni di ascoltatori mensili su Spotify

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Prevista l'istituzione di un fondo specifico destinato al finanziamento dei riti della Settimana Santa iscritti al REIS
"Nel programma approvato a maggio abbiamo puntato sulla qualità degli eventi che si articolano da giugno a settembre"
"Il Comune di Trapani si faccia trovare pronto con un progetto unitario per accedere alle risorse della rigenerazione urbana"