Asp Trapani, concluso corso di alta formazione su “Cure palliative e Terapia del dolore”

L'obiettivo è stato quello di formare medici in grado di garantire ai malati una migliore qualità delle cure anche nelle fasi finali della vita

Si è concluso con una giornata di formazione esperienziale organizzata nelle saline “Ettore Infersa”, scenario rappresentativo del territorio trapanese dove il sale, antico elemento di cura, diventa metafora di rielaborazione e trasformazione così come le Cure palliative trasformano la sofferenza e contribuiscono a migliorare la qualità della vita dei pazienti e dei loro familiari, il Corso di Alta formazione “Cure palliative e Terapia del dolore”, realizzato dall’Asp di Trapani.

L’Azienda sanitaria provinciale era stata individuata dall’Assessorato regionale della Salute come capofila per l’ambito Formazione nel progetto “Realizzazione delle reti locali di cure palliative e potenziamento delle cure domiciliari di base specialistiche”.

Obiettivo del progetto di formazione, organizzato dalla referente aziendale Antonella La Commare, responsabile U.O.S. Formazione a cui hanno partecipato professionisti di tutte le Aziende sanitarie regionali della Sicilia, è quello di promuovere un modello organizzativo e assistenziale regionale unitario e garantire ai malati ed ai loro familiari una migliore qualità delle cure anche nelle fasi finali della vita.

Il percorso formativo si è articolato in 12 moduli nei quali si sono alternati docenti provenienti da vari Centri di eccellenza nazionali che hanno approfondito tematiche relative agli aspetti normativi, organizzativo-gestionali, metodologici, clinici e psico-relazionali.

Sessioni teoriche di lezioni frontali e laboratoriali di gruppo hanno rappresentato il momento di condivisione di esperienze e di vissuto degli operatori, alla luce dei più recenti e accreditati modelli di intervento nel campo delle Cure palliative.

Il corso era stato inaugurato lo scorso maggio nella sala Mirabilia del Museo regionale “Agostino Pepoli” di Trapani,
L’attività formativa conclusiva si è articolata in due momenti: un primo incontro in aula nei locali del Mulino “Ettore Infersa” ed un percorso guidato sull’isola Lunga nello Stagnone dove gli operatori hanno realizzato un’attività laboratoriale, metafora della rappresentazione condivisa di una funzione di Rete di Cure palliative. Ai partecipanti sono stati consegnati gli attestati finali.

Il brindisi con gli Shark a Palazzo D'Alì 240611

Mentre Shark brinda l’assessore risponde alla Lega Nazionale Pallacanestro [VIDEO]

Adesso si cambia regime, si passa al professionismo un'era nuova che davvero non vediamo l'ora di vivere"
È indiziato di appartenere a Cosa nostra e in affari anche con la famiglia mafiosa di Castelvetrano
Il martedì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 15 alle 17
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"
Grazie ai volontari, fino a settembre, dalle 18.30 alle 23.30
Incrementerà la portata d’acqua a disposizione della città di 15 litri al secondo
Le selezioni si svolgeranno martedì 18 giugno, dalle 15 alle 18.30

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Fu ucciso a Palermo in un agguato mafioso con il capitano D'Aleo e l’appuntato Bommarito
La storia del fisico italiano, inventore e padre delle comunicazioni, tra prosa teatrale, canti, musica e coreografie
Iniziativa di Renantis Sicilia in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria
Appello intervenga presso il governo nazionale e la cabina di regia del Ministero della Coesione