Arte e cultura si respirano all’interno dell’art boutique 122 Ricami al centro storico di Trapani

Nella galleria si presenteranno al pubblico opere di artisti nazionali e internazionali e si proporranno letture, laboratori, conversazioni con curatori, critici, galleristi. Attualmente è in corso la mostra dell'artista brasiliano Eduardo Recife

Concepita come una piccola art gallery, 122 Ricami è anche un Art Boutique, presso il centro storico di Trapani – in corso Vittorio Emanuele 122 -, la città del vento e dal mare cristallino, dove la contaminazione di altri popoli e culture è viva e presente.

122 Ricami Art Boutique è il  frutto dell’ingegno e dell’impegno di due donne trapanesi, Fortunata Mistretta e Valentina Guarneri, persone che hanno voluto mettere la cultura e l’arte al centro della loro vita. Nella loro galleria si presenteranno al pubblico opere di artisti nazionali e internazionali e secondo un calendario di incontri si proporranno letture, laboratori, conversazioni con curatori, critici, galleristi.

“Amiamo vivere intensamente. La nostra innata curiosità e passione per l’arte ci ha spinto a viaggiare alla scoperta del mondo. Vogliamo pigiare sul pedale dell’innovazione, accelerando su trend che sono di nicchia e sperimentare novità nel mondo dell’arte – dichiara Fortunata -. Durante il nostro percorso abbiamo avuto la fortuna di conoscerci e di conoscere numerosi artisti. L’arte regola le relazioni umane, esplora, trae esperienze interiori. Un sogno avverato il nostro che si può definire anche un viaggio nell’inconscio attraverso la creatività e l’espressione degli artisti che coinvolgeremo”.

“Il mio ruolo all’interno di 122 Ricami è assolutamente di natura emozionale – conclude Valentina -, sostengo Fortunata nella parte curatoriale visto la mia esperienza ventennale nel settore”. All’interno si trovano oggetti d’arte e di design dalle tendenze artistiche più innovative e significative che potranno essere acquistate dagli appassionati.

L’art boutique ospita attualmente la mostra dell’artista brasiliano Eduardo Recife, grafico e illustratore crea un font che porta il suo stesso nome, riconosciuto ormai globalmente. Sviluppa in seguito la sua tecnica di collage, creando uno stile ricercato e distinto; combinando immagini vintage, ritagli di riviste che ricerca costantemente, unendolo a simboli e immagini classiche. Le sue opere raccontano l’anima umana, la ricerca dell’amore, della verità e felicità. Ha esposto in tutto il mondo ed è stato pubblicato in più di 70 libri, riviste di arte nazionali ed internazionali.

Trapani a secco, l’assessore spiega [AUDIO]

La situazione del servizio idrico nel territorio comunale
Con quattro vele, arretra Pantelleria che quest'anno si ferma a tre
Producer francese da oltre 9 milioni di ascoltatori mensili, oltre 1 miliardo di streams totali e numerosi Dischi d'Oro e di Platino
Saranno presenti cinque unità e mezzi fino al prossimo 13 settembre
È un'esperienza che combina degustazioni di vini pregiati e prodotti agroalimentari, incontri con i produttori, masterclass esclusive, con un percorso artistico suggestivo
La passeggiata sonora prevede di camminare in silenzio, concentrandosi sull’ascolto dell'ambiente, considerando la propria presenza al suo interno
Tale manifestazione vedrà gallerie d’arte, spazi creativi e atelier di artisti aprire le porte ai visitatori

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Il 5 luglio riapre il museo che racconta la pesca del tonno
Nella zona nord riguarda le utenze private mentre nella zona sud le utenze commerciali
La cerimonia di professione solenne il 28 giugno alle 17 nella chiesa di Santa Maria di Gesù
Promosso dalla coop sociale Badia Grande in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato
Il militare si trovava, libero dal servizio, in un centro commerciale a Milazzo, nel Messinese
"Un anno fa l'annuncio del ripristino delle risorse finanziarie e della necessità di avviare una nuova procedura di gara, ma nulla si è mosso"