“Archeologia dell’Architettura”, incontri a Trapani a cura dell’Ordine degli architetti

Gli incontri seminariali sono rivolti agli iscritti

In un territorio così ricco di storia come è l’Italia e in particolare la Sicilia, è davvero intimo il rapporto che può esistere tra Archeologia e Architettura, basti pensare a quanto avviene nei nostri millenari centri storici o alle valenze connesse all’intervento su un bene come il Castello della Colombaia di Trapani.

Eppure, così come noto da tempo nel mondo accademico e professionale, c’è oggi in Italia un problema reale di «formazione archeologica» degli architetti così come esiste un complementare problema degli archeologi sulla «cultura della progettazione».

Proprio rispondendo a tale esigenza che l’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Trapani e la Fondazione Architetti nel Mediterraneo “Francesco La Grassa” promuovono a Trapani un ciclo di incontri seminariali rivolti ai propri iscritti per promuovere e coniugare le competenze dell’architetto con le più moderne pratiche conoscitive e di indagine dell’archeologia stratigrafica. Ancor oggi, infatti, nel nostro locale contesto le figure professionali dell’architetto e dell’archeologo vivono troppo spesso una reciproca differenza o indifferenza per l’essere “costruttore” l’uno, “demolitore” l’altro… mentre è nei i cantieri di restauro e nelle pianificazioni urbanistiche dei più moderni e avanzati contesti culturali, che negli ultimi anni si sono create le condizioni per l’incontro, lo scambio e l’ incrocio disciplinare a tutto vantaggio della qualità degli interventi e del rispetto della storia, della cultura e dell’identità dei luoghi.

Con la cura dell’architetto Giovanni Vultaggio, autore del recente volume di carattere scientifico-divulgativo sull’archeologia dell’architettura della Colombaia di Trapani e con la disponibilità di numerosi e prestigiosi docenti e archeologi locali come il soprintendente Ferdinando Maurici, Paolo Barresi, Emanuele Canzoneri, Federico Fazio, Vittorio Mirto, l’Ordine e la Fondazione degli Architetti trapanesi intendono, pertanto, contaminare le pratiche “tradizionali” della disciplina affinchè, in particolare, i giovani iscritti possano maturare esperienze professionali diverse e molteplici, in modo da rendere i territori e i luoghi storici dei “libri di pietra” capaci non solo di illuminare meglio vicende di edifici e complessi, ma anche di arricchire la qualità dei restauri, trasformandoli in straordinarie occasioni conoscitive e non solo di recupero di pur prestigiosi volumi.

Gli appuntamenti si svolgeranno a partire dal 24 maggio e nel mese di giugno nella sede dell’Ordine, in via G.B.Fardella 16 con inizio alle ore 17.

Custonaci, la Sicilia e i suoi borghi: sabato il convegno [AUDIO]

Col primo cittadino Fabrizio Fonte abbiamo parlato del terzo ed ultimo week end de "i borghi dei tesori"
Colpita con calci e pugni, minacciata con un coltello e un fucile da sub
È di 5,5 miliardi la copertura finanziaria per 580 interventi e di 1,3 miliardi il cofinanziamento per il Ponte sullo Stretto di Messina
La manifestazione si conferma capace di esplorare i temi più caldi e attuali della cultura pop e dell'intrattenimento
Ieri il collegamento in diretta con Roma per la Giornata Mondiale dei Bambini

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...
Trapani Shark-Udine

Bentornati play-off

Ne parliamo con Giacomo Incarbona
"Per i lavori di urbanizzazione e delle opere fognarie attese ormai da più di trent’anni”
All'interpello può partecipare solo il personale ispettivo assunto prima del 31 dicembre 2023
"Abbiamo scelto di parlare con il linguaggio della verità, senza mettere la polvere sotto il tappeto"
Anche quest’anno si è avuta un’importante partecipazione di pubblico
Ciminnisi: «Luogo simbolico delle nostre battaglie e punto di riferimento per i cittadini»