Ance Sicilia apprezza avvio iter di recepimento del nuovo Codice appalti

Cutrone: “Il percorso va completato entro il 30 giugno”. Bene anche lo sblocco dei pagamenti della Regione

L’Ance Sicilia apprezza l’avvio, da parte del governatore Renato Schifani, dell’assessore regionale alle Infrastrutture, Alessandro Aricò, e dell’intera Giunta regionale, dell’iter di recepimento del nuovo Codice nazionale degli appalti, che entrerà in vigore in tutta Italia il prossimo 1 luglio. “Adesso – ricorda il presidente dell’Ance Sicilia, Santo Cutrone – bisogna correre perché mancano dieci giorni alla scadenza, entro i quali occorre avviare la necessaria consultazione con le parti sociali e completare il percorso con l’approvazione della legge all’Ars. Senza la quale – osserva Cutrone – si creerebbe un vuoto normativo nell’Isola, che non consentirebbe alle stazioni appaltanti di sapere quale norma applicare per bandire le gare d’appalto: infatti, la norma regionale viene abrogata da quella nazionale, che ancora non è stata recepita in Sicilia”.

L’Ance Sicilia apprezza, inoltre, il fatto che il governatore Schifani e l’assessore regionale all’Economia, Marco Falcone, attraverso il loro continuo impegno, il contributo degli uffici e la digitalizzazione delle procedure, abbiano mantenuto l’impegno di completare più velocemente la verifica del riaccertamento dei residui del 2022 dei fondi regionali, che si è già tradotto in pagamenti alle imprese, e di chiudere ieri una ulteriore verifica del riaccertamento dei residui 2022 dei fondi extraregionali, che ha messo ora in pagamento altri 422 milioni a favore
di imprese e fornitori che attendevano con ansia.

L’Ance Sicilia considera, inoltre, un ottimo risultato il fatto che, come annunciato da Schifani, l’intera verifica sarà completata entro fine mese, cioè cinque mesi prima di quanto accaduto negli anni passati. “E’ un segnale di attenzione verso le imprese edili – dichiara Santo Cutrone, presidente di Ance Sicilia – che, sebbene colpite dalla crisi e fortemente esposte con le banche, hanno garantito la prosecuzione dei cantieri pur non ricevendo soldi per parecchio tempo, nell’interesse generale dei cittadini e dell’economia. Adesso – conclude Cutrone – auspichiamo che si arrivi ad un regime di puntualità standardizzata dei pagamenti, attraverso l’approvazione del prossimo Bilancio regionale entro fine anno, così come prevede la legge, affinchè le risorse dovute possano essere erogate al sistema produttivo sin da gennaio 2024”.

Venti anni di Arte a Trapani da Diart al San Rocco [AUDIO]

Don Liborio Palmeri questa sera ricorderà una storia tutta trapanese
Situati in contrada Cozzogrande, chiusi tempo fa per presenza di nitrati
Da 2 a 3 su Karlsruhe-Baden Baden, da 4 a 5 sul capoluogo piemontese
Le prime misure individuate dalla cabina di regia regionale
Le funzioni ad interim sono state assunte dal presidente Schifani nell'attesa di una nuova nomina
Iniziativa a cadenza mensile in cui gallerie d'Arte e artisti aprono le loro porte al pubblico per visite e acquisti
I cittadini ottengono uno sgravio di 100 euro annui utilizzando la compostiera gratuita

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
L’intervento di messa in sicurezza è stato finanziato dalla Regione con 40 mila euro
Vietata la vendita di cibo e bevande in forma ambulante in alcune vie del centro storico
In piazza Vittorio l'evento che promuove la cultura del rispetto dell’Ambiente attraverso il linguaggio della Musica
Dalla perizia commissionata ad un tecnico, ammontano ad oltre 20.000 euro
Si tratta di un seminario diviso in due parti e, per decisione del Direttivo Unipant, sarà offerto gratuitamente alla cittadinanza