Allagamenti a Trapani, depositato ricorso contro il Comune per risarcimento danni

Chiamato in causa il Comune per la manutenzione del sistema fognario

È stato depositato nei giorni scorsi il primo ricorso finalizzato alla richiesta di risarcimento danni per gli allagamenti subiti da tanti cittadini nelle proprie attività commerciali e negli immobili privati.

Diversi Trapanesi lo scorso anno, subito dopo gli allagamenti del 26 settembre, tramite l’avvocato Vincenzo Maltese del Foro di Trapani, avevano inoltrato una diffida con messa in mora nei confronti dell’amministrazione comunale e avanzato anche istanza per procedere con la fase della mediazione civile ma il Comune non ha aderito.

“Sebbene il 26 settembre del 2022 le condizioni atmosferiche siano state di eccezionale intensità – afferma il legale – ciò non esonera da responsabilità l’amministrazione comunale, ai sensi dell’art. 2051 del Codice civile per avere la custodia delle condotte fognarie e quindi la manutenzione ordinaria e straordinaria che, come sarà provato nel caso di specie, è stata effettuata successivamente ai fatti del 26 settembre. Diverse infatti sono le sentenze anche della Corte di Cassazione che hanno dichiarato tale responsabilità tout court, condannando i Comuni ai risarcimenti in favore dei proprietari delle case o delle attività commerciali”.

È opportuno precisare inoltre che il contributo che arriverà dalla Regione – prosegue Maltese – non coprirà il risarcimento del 100% e non a tutti sarà erogato vista l’esiguità dell’importo. Personalmente, per la tutela dei cittadini, conosco solo una strada percorribile che è quella della giustizia civile e a quella mi rivolgo”.
Adesso si attende la fissazione della prima udienza dopodichè la parola passerà ai giudici.

Il sindaco di Trapani e l’assessore alla Protezione civile hanno commentato la notizia del deposito del ricorso con un comunicato stampa.
«Si prende atto della propagandata iniziativa legale dell’avvocato Vincenzo Maltese in ordine agli eventi alluvionali del 26 settembre 2022 e successivi a Trapani. Ferma restando la libertà di qualunque cittadino di rivolgersi all’Autorità giudiziaria per la tutela delle proprie ragioni – si legge nella nota – si può solo evidenziare come un’attenta, scrupolosa e approfondita istruttoria della vicenda abbia fatto emergere come i danni subiti dalla città di Trapani (e da altri Comuni siciliani) e dai cittadini in quelle date siano la conseguenza di eventi di estrema eccezionalità (come riconosciuto dai provvedimenti regionali adottati nel tempo), che escludono una responsabilità dell’ente, che, in ogni caso, per la responsabilità ex art. 2051 c.c. ha stipulato apposita polizza assicurativa.
Tuttavia, questa amministrazione, attraverso fitte e assidue interlocuzioni con la Regione Siciliana, ha combattuto e continuerà a combattere per fare in modo di massimizzare i ristori a seguito della dichiarazione dello stato di calamità/emergenza.
D’altronde, la quotidianità italiana ed anche estera ci stanno insegnando che i fenomeni alluvionali costituiscono ormai un problema globale, che non fa distinzione di latitudini e di colore politico.
In conclusione, pur non temendo esiti sfavorevoli dalle azioni legali, questa amministrazione ovviamente rispetterà le decisioni della Giustizia».
Sindaco e assessore invitano i cittadini danneggiati ad attivarsi celermente nel rispetto delle procedure per i ristori come da informazioni reperibili sul sito del Comune di Trapani al link.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Firmato protocollo tra Asp, Uffici giudiziari di Trapani e Marsala e UEPE
I Comuni interessati sono Alcamo, Erice, Marsala, Mazara del Vallo e Trapani
Ottenuto il parere favorevole della Commissione Attività produttive dell'ARS
Sono i cinque indicati in sede di presentazione della candidatura e delle liste a sostegno di Quinci
Hanno ricevuto dal sindaco degli che dimostrano una straordinaria capacità di empatia, azioni di solidarietà e buone pratiche
Protagonista dell’esibizione sarà il gruppo musicale al quale partecipano persone di età diversa che vanno dai bambini di 8 anni agli adulti di 60 anni, e da migranti di età compresa tra i 16 e i 26 anni

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Tre giorni all'insegna della cultura del mar, della musica e della gastronomia
La società del presidente Valerio Antonini completerà l'impianto per renderlo fruibile