venerdì, Marzo 1, 2024

Alcamo, la Guardia di Finanza scopre frode fiscale per oltre 1 milione di euro

Individuati anche oltre 100 lavoratori "in nero”

I finanzieri della locale Tenenza hanno scoperto una rilevante frode fiscale, pari a circa 1.200.000 euro, attuata da società di Alcamo operante nel settore della pubblicità con il sistema del volantinaggio. Gli accertamenti hanno portato anche all’individuazione di oltre 100 lavoratori “in nero” di cui 19 erano anche percettori del reddito di cittadinanza.

Dalla verifica fiscale è emerso che l’impresa si è avvalsa, per anni, di manodopera retribuita con un compenso pari a 3-4 euro all’ora senza versare alcun contributo di natura previdenziale ed assistenziale mentre 30 lavoratori, pur essendo regolarmente assunti con contratto part time, di fatto svolgevano attività a tempo pieno.

Per nascondere l’utilizzazione della manodopera irregolare, la società avrebbe simulato la concessione in appalto dei servizi di volantinaggio a tre imprese con sede nelle province di Trapani e Palermo che sono risultate “cartiere” dato che hanno documentato, con l’emissione di fatture oggettivamente false, pari a circa 1.200.000 euro, di aver svolto servizi in realtà mai prestati.

Attraverso questo sistema fraudolento, la società avrebbe abbattuto il proprio reddito deducendo costi fittizi derivanti dall’annotazione, nella contabilità, delle fatture emesse dalle tre imprese compiacenti, mentre quest’ultime, oltre a non versare l’IVA risultante dalle fatture fittiziamente emesse, non hanno neppure dichiarato le ulteriori imposte dovute al Fisco.

I rappresentanti delle società emittenti e della società utilizzatrice, alla luce del quadro indiziario acquisito, sono stati denunciati dalle Fiamme Gialle alle Procure competenti, rispettivamente, per aver emesso ed utilizzato fatture per operazioni inesistenti. A carico del rappresentante legale della società utilizzatrice è stata disposta dall’Autorità giudiziaria la misura interdittiva del divieto di esercitare attività imprenditoriale per un anno mentre nei confronti della società è stato eseguito il sequestro preventivo delle somme presenti sul corrente societario disposto per un importo di 469.701 euro.

I 19 lavoratori in nero che sono risultati percettori del reddito di cittadinanza sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Trapani e segnalati all’INPS per il recupero delle somme indebitamente percepite.

Esultanza Trapani. Foto: Joe Pappalardo

Provinciale sotto i riflettori: in serale le partite di Imolese e Siracusa [AUDIO]

L'inizio delle due sfide è previsto per le 20:30, per il ritorno di Coppa Italia cambia anche la data
L'inizio delle due sfide è previsto per le 20:30, per il ritorno di Coppa Italia cambia anche la data
Diffusi i dati sul ritorno economico nel territorio generato dall'aeroporto
L'assessore Aricò: «Sostegno alle amministrazioni locali per crescita e sviluppo»
Nei prossimi giorni la decisione del gup del Tribunale di Trapani
Presenti anche gli sportivi del Trapanese destinatari delle benemerenze CONI consegnate lo scorso dicembre

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
Coinvolte dodici persone che si occuperanno della cura del Verde a Favignana
"Impossibile garantire alla comunità una regolare distribuzione idrica con mezzi alternativi"
"Esperienza positiva, contento di avere avuto l'opportunità di rappresentare la mia gente" ha dichiarato l'ala granata
Il primo dirigente della Polizia di Stato ha all'attivo una lunga e articolata carriera