Alcamo, il 26 e il 27 marzo al Museo MACA l’evento Stresstest #2: Horror Vacui

Si tratta di un evento interattivo in cui varcata la soglia di ingresso del MACA si verrà coinvolti nello streaming di Party TV / Horror Vacui che durerà ventiquattro ore

Sabato 26 marzo, dalle 12:00 fino alle 12:00 di domenica 27 marzo, per un giorno intero, il Museo MACA di Alcamo diventa protagonista dell’evento Stresstest #2: Horror Vacui in diretta streaming sul canale Twitch di Party Tv.

Si tratta di un evento interattivo in cui varcata la soglia di ingresso del MACA si verrà coinvolti nello streaming di Party TV / Horror Vacui. Durante la serata di sabato si svolgerà la narrazione sanguinosa di un gioco cui si invita a partecipare: un’entità malvagia si impadronirà dei partecipanti alla mostra e li costringerà ad atti malvagi, fino a quando non verrà individuata ed esorcizzata. Horror Vacui si inserisce all’interno della produzione dell’opera Party TV di Andrea Masu prodotta dal MACA – Museo Arte Contemporanea Alcamo a cura della piattaforma curatoriale Landescape. L’opera, frutto di un processo collettivo multiautoriale, è finanziata dal MIC nell’ambito del Piano Arte Contemporanea 2020 e sarà presentata, nella sua forma finale, tra il 10 e il 21 giugno prossimi.

“L’allestimento di “Horror Vacui” e de “il continente buio” fa parte di un progetto innovativo di rilancio culturale – dichiara il sindaco Domenico Surdi -, dove pubblico e privato, ovvero le associazioni e gli artisti lavorano insieme per incidere sul territorio con nuove espressioni artistiche. Il progetto Party TV rientra in un importante finanziamento ministeriale che abbiamo ottenuto grazie alla collaborazione con Landscape. E – continua il sindaco – la Residenza degli Artisti, in questi giorni, ospita non solo gli artisti di Horror Vacui ma anche altri giovani che sono ad Alcamo per fare nuove esperienze, siamo sempre più soddisfatti della fruizione di questo immobile, è la prova tangibile della rigenerazione sociale di un bene confiscato alla criminalità organizzata”.

Sempre sabato, 26 marzo alle ore 18:00, apre al pubblico la mostra “Il continente buio” che si inserisce nella narrazione dello Stresstest #2 Horror Vacui. La mostra raccoglie le opere realizzate da Riccardo D’Avola Corte e Natália Trejbalová ospiti in residenza ad Alcamo, presso la Casa degli Artisti. I due artisti, durante il loro soggiorno, si sono immersi nel paesaggio alcamese, esplorando varie dimensioni ed entrando in contatto con spazi sconosciuti e profondi; la mostra si presenta come un ecosistema misterioso che sale e si rivela verso la superficie, lasciando emergere le contraddizioni, le ombre di un paesaggio ancora inesplorato e vivo.

L’apertura della mostra “Il continente buio” 26 marzo ore 18:00 visitabile fino alle 24:00. A
seguire, gli orari consueti del Maca: ogni giorno, la mattina 9:30 – 12:30; il pomeriggio 16:30 – 19:30.

Tari, ecco come e perchè aumenta per i Trapanesi [AUDIO]

Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Ce lo spiega Alberto Mazzeo, assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Trapani
Il femminicidio avvenne il 24 dicembre 2022 a Marinella di Selinunte
L'episodio è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso
L'episodio è avvenuto lo scorso anno vicino al Canile comunale
Il 23enne centrocampista arriva da svincolato
Il playmaker statunitense proviene da Rio Breogàn, squadra militante nel massimo campionato spagnolo
Sabato sera si è svolto il quarto appuntamento della rassegna concertistica, arricchito da aneddoti e racconti
La manifestazione si protrarrà fino al 28 luglio
Lo hanno siglato il questore Giuseppe Peritore e la presidente Aurora Ranno

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
"Con le mie ali, trovare sé stessi, cambiare il mondo" vuole essere un’indagine sui cambiamenti di prospettiva del mondo giovanile
Una storia grottesca, quasi incredibile, di piante, divieti di sosta e sfabbricidi. Per fortuna a lieto fine