“Alcamo a domicilio”, l’app che digitalizza e sostiene le imprese locali

L'applicazione nasce dall'idea di poter frequentare il proprio negozio di fiducia tramite smartphone, senza dover uscire di casa, contribuendo al sostegno dell'economia locale messa a dura prova dall'emergenza sanitaria

Nasce “Alcamo a domicilio” è l’app che dimostra l’esigenza di rinnovarsi e di rimanere a passo con i tempi; in seguito agli eventi che si sono succeduti, avvalorati dalla pandemia, le imprese hanno maturato una nuova e piena consapevolezza su ciò che implica “stare sul mercato”.

Nonostante uno dei settori più colpiti dall’emergenza sanitaria sia stato quello della ristorazione, non è stato l’unico ad aver sofferto grosse perdite. Ed è per questo che, l’alcamese Daniele Riolo, lancia un’app che possa rivolgersi a tutte le tipologie di attività commerciali, includendole, all’ormai diffusissimo, food delivery.

In fondo è semplice, si tratta solo di continuare ad acquistare dal negozio di fiducia, quello “sotto casa”, ma attraverso il proprio smartphone e senza, necessariamente, uscire da casa. Di fatti, le continue fasi di quarantena lasciano ben poche speranze all’idea di poter ricominciare ad uscire in totale libertà, per tanto, bisogna adeguare le proprie abitudini a questa nuova condizione.

Ad adeguarsi non sono solo i singoli – che sempre più ricorrono a servizi di e-commerce mobile, delivery e take away per soddisfare le proprie necessità – ma anche e soprattutto le attività commerciali che vogliono affrontare questa dura situazione, senza essere costretti alla chiusura. In tal senso, “Alcamo a domicilio”, può essere un vero salvagente digitale per le imprese locali: entrare in circuito digitale significa dare una seconda occasione al futuro delle imprese alcamesi.