Akragas-Trapani 0-1, espugnato l’Esseneto: la decide Cocco dal dischetto

La formazione locale ha concluso in 10 uomini la gara dopo l'espulsione di Sanseverino

AKRAGAS (4-3-1-2): Sorrentino; Baio, Cipolla, Rechichi, Pantano; Puglisi, Sanseverino, Scozzari (Pirvu 77′); Di Mauro; Trombino, Marrale (Rea 77′). A disposizione: Busà, Litteri, Rossi, Bruno, Scandurra, Di Stefano, Grillo. Allenatore: Coppa

TRAPANI (4-3-3): Ujkaj; Pino, Cristini, Sabatino, Morleo; Acquadro, Calafiore (Cangemi 62′), Ba (Redondi 77′); Bollino (Balla 15′), Cocco (Sparandeo 89′), Gagliardi (Samake 85′). A disposizione: Tartaro, Guerriero, Marigosu, Pipitone. Allenatore: Alfio Torrisi

Marcatori: Cocco 42′

Arbitro: Andrea Migliorini di Verona (assistenti: Minutoli e Cusimano)

Note: Ammoniti: Sanseverino (A), Tombino (A), Morleo (T), Cangemi (T), Samake (T). Espulsioni: Sanseverino (A) per doppia ammonizione.

Sin dai primi minuti di gioco la gara si dimostra molto ruvida dal punto di vista fisico: il primo fallo è causato da Cipolla, che ha messo una mano sul volto di Cocco. Al quarto minuto un calciatore della squadra di casa cade al suolo, ma il direttore di gara fa segno che non c’è stato alcun contatto. Nel corso del 14′ Bollino è stato colpito duramente da un difensore della squadra agrigentina che non gli ha permesso di rientrare in campo: al suo posto è entrato Balla. La partita resta bloccata tatticamente: zero le conclusioni dopo il primo quarto d’ora. La prima potenziale occasione è stato un calcio di punizione in favore dell’Akragas, con il pallone che però ha colpito la barriera granata.

Calafiore è arrivato alla conclusione nel corso del 26′, ma anche in questo caso, il pallone è finito distante dalla porta avversaria. Al 36′, un’incomprensione nella retroguardia trapanese poteva consentire all’Akragas di arrivare alla conclusione, ma Ujkaj è riuscito a mettere una pezza con un grande intervento in uscita dalla propria porta. Dopo i diversi errori in costruzione, un gesto di Andrea Cocco è stato abbastanza eloquente: ha invitato i suoi compagni a mantenere la calma e a utilizzare la testa. Al 40′, in seguito ad un calcio d’angolo, un giocatore granata viene colpito duramente da un difensore dell’Akragas e il direttore di gara è costretto a fischiare calcio di rigore. È stato Andrea Cocco dal dischetto che ha realizzato la rete del vantaggio in un match complicatissimo.

Al 44′ di nuovo pericoloso il Trapani che vede Cocco calciare verso la porta avversaria, trattenuto però da un difensore: tutto regolare secondo Migliorini. Nel corso del recupero l’Akragas torna vicino alla porta di Ujkaj, con la difesa granata che è riuscita ad allontanare il pallone per evitare ulteriori rischi. Appena dopo, Cipolla e Sorrentino corrono entrambi sul pallone e si colpiscono, con il capitano che sfiora un clamoroso autogol di testa.

Nessun cambio alla ripresa, e il gioco che ricomincia in modo frammentato visti i notevoli interventi del direttore di gara che ha fischiato numerosi falli sia da un lato che dall’altro. Le poche conclusioni arrivate nella seconda frazione sono dovute soprattutto alle due ottime difese che hanno impedito agli avversari di rendersi pericolosi. All’81’ Sanseverino commette fallo da ultimo uomo su Cocco che costa al difensore il secondo cartellino giallo e la conseguente espulsione. Mattia Gagliardi ha battuto la punizione e ha colpito in pieno la traversa della porta difesa da Sorrentino. Appena un minuto dopo è nuovamente legno dei granata: Cocco calcia dalla distanza e prende ancora la traversa.

Il Trapani è tornato a farsi vedere in avanti all’88’ con Samake, la cui conclusione finisce però alla destra della porta difesa dal portiere dell’Akragas. Sei i minuti di recupero concessi dal direttore di gara veronese prima del termine della gara. In queste ultimissime battute, la squadra di Torrisi ha cercato di tenere il pallone il più lontano possibile dalla propria area di rigore con grande esperienza. Siparietto finale alquanto atipico con il presidente Antonini trattenuto dagli addetti ai lavori dopo essere entrato in campo per festeggiare con i suoi. Granata che proseguono l’inseguimento sul Siracusa, vincente a Reggio Calabria, ma con una partita in più rispetto al Trapani.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
Firmato protocollo tra Asp, Uffici giudiziari di Trapani e Marsala e UEPE
I Comuni interessati sono Alcamo, Erice, Marsala, Mazara del Vallo e Trapani
Ottenuto il parere favorevole della Commissione Attività produttive dell'ARS
Sono i cinque indicati in sede di presentazione della candidatura e delle liste a sostegno di Quinci
Hanno ricevuto dal sindaco degli che dimostrano una straordinaria capacità di empatia, azioni di solidarietà e buone pratiche
Protagonista dell’esibizione sarà il gruppo musicale al quale partecipano persone di età diversa che vanno dai bambini di 8 anni agli adulti di 60 anni, e da migranti di età compresa tra i 16 e i 26 anni

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
Tre giorni all'insegna della cultura del mar, della musica e della gastronomia
La società del presidente Valerio Antonini completerà l'impianto per renderlo fruibile