Agricoltura, la Regione adotta nuovo prezzario e tabella costi standard per investimenti

Assessore Sammartino: «Semplificazione per accedere ai fondi»

Dopo dieci anni dall’ultimo aggiornamento, sono stati definiti il nuovo prezzario regionale per le opere e gli interventi nelle aziende agricole e nel settore forestale e la tabella per i costi standard per gli investimenti.

Il dipartimento regionale Agricoltura, guidato dal direttore Dario Cartabellotta, in collaborazione con l’Università degli studi di Catania, ha condotto un’articolata analisi, un’indagine di revisione delle categorie di lavori ed un adeguamento dei prezzi al contesto attuale. Pertanto, con la pubblicazione del nuovo prezzario si dà possibilità agli imprenditori agricoli e agli operatori del settore agroalimentare e forestale di realizzare interventi di miglioramento aziendale, rendendo le imprese più efficienti e competitive, nel rispetto dell’igiene della produzione, del benessere degli animali e del regime di sicurezza per i lavoratori.

«L’adozione del nuovo prezzario e la definizione della tabella dei costi standard per gli investimenti – dice l’assessore regionale all’Agricoltura, Luca Sammartino – sono due atti fondamentali nel processo di modernizzazione e sburocratizzazione dell’agricoltura siciliana. Erano attesi da dieci anni, un periodo di tempo nel quale il progresso tecnologico ha trasformato le dinamiche delle produzioni agricole e dell’allevamento degli animali. In questo modo diamo una spinta allo sviluppo delle nostre imprese, recependo le nuove opportunità fornite dalla ricerca e dallo sviluppo tecnologico, adeguando i costi alle variazioni intervenute nel tempo. Inoltre, viene semplificato l’iter per accedere ai fondi, consentendo alle aziende di programmare i propri investimenti senza dover attendere inutili lungaggini burocratiche».

In particolare, le variazioni sono riferite ai costi dei materiali e della manodopera per la realizzazione di interventi nelle aziende agricole e in quelle silvo-pastorali. Per gli impianti arborei sono stati introdotti i “costi semplificati” per l’ampliamento delle colture che saranno finanziati con le misure relative agli investimenti nelle aziende agricole.

L’applicazione dei costi semplificati nella programmazione 2023-2027 è in linea con quanto raccomandato dalla Commissione Europea che ne prevede l’estensione in sostituzione del rimborso su costi sostenuti al fine di ridurre la probabilità di errore e gli oneri amministrativi. Il metodo dei costi semplificati si fonda sul principio di ragionevolezza (basato sulla realtà, e non su valori eccessivi o estremi), sul principio di equità (l’eventuale aiuto concesso non favorirà in alcun modo alcuni beneficiari rispetto ad altri), mentre quello di determinazione della tabella dei costi standard segue i principi della parità di trattamento tra i destinatari e dell’utilizzo di prove documentarie verificabili.

Il nuovo prezziario e la tabella dei costi standard sono sono consultabili sul sito istituzionale della Regione Siciliana a questo indirizzo.

L’almanacco di oggi mercoledì 24 aprile 2024

In questa rubrica tutto quello che c'è da sapere sulla giornata di oggi
In questa data si celebrano la fine dell'occupazione nazifascista e la Resistenza
Forgione: "Il mondo deve ripudiare la guerra sempre e comunque"
Dal 26 al 29 aprile nel centro storico cittadino
Il provvedimento riguarda la vendita di alcolici e la diffusione di musica
L'appuntamento per la provincia di Trapani è previsto per il 19 maggio al Museo di Arte Contemporanea di Alcamo
Si tratta di circa tremila lavoratori potranno essere assunti da Enti locali, ASP e Aziende ospedaliere
L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani ha espresso la propria indignazione

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Sogni veri di una vita inventata

Una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione verso me stesso e potrebbe rappresentare un passo importante per la mia crescita...

Do you remember 2023?

Torna il blog di Andrea Castellano e si tuffa nell'anno appena passato: dalla crisi alla rinascita
La sentenza con la formula “perché i fatti non costituiscono reato”
"Superare la precarietà nei contratti di lavoro e di rendere più sicuro il lavoro nel sistema degli appalti"
Il sindaco Forgione: "Dopo decenni di attesa ci avviamo alla conclusione dell'iter"
Si lavora per individuare e definire strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno
Il deputato regionale ribatte alle dichiarazioni del segretario provinciale e della presidente dell'Assemblea
Esprime delusione e scoramento per il clima politico nel massimo consesso cittadino