Aggressione a poliziotti penitenziari al carcere di Trapani

La denuncia del SAPPE: mancano provvedimenti correttivi, a cominciare dall’assegnazione straordinaria di personale per la grave carenza di organico

Episodio di violenza, stamane, nel carcere di Trapani. A rendere noti i particolari della vicenda è il SAPPE, Sindacato autonomo della Polizia Penitenziaria con una nota a firma del Segretario generale Donato Capece.

“Un detenuto, dall’indole particolarmente violenta – scrive Capece – stamattina ha dato in escandescenze, minacciando il personale di Polizia con un bastone e poi scagliandosi con violenza contro alcuni agenti intervenuti per riportare alla normalità la situazione”. L’uomo, secondo quanto dichiarato dal sindacalista avrebbe anche cercato di aizzare altri detenuti contro i poliziotti- Due di loro – riferisce sempre Capece – sono rimasti seriamente contusi e si trovano attualmente in ospedale per le cure e le visite del caso”.

“Questo episodio – denuncia il sindacato – è l’ennesimo che si verifica dopo che la Direzione del carcere ha deciso di concentrare tutti i detenuti che si sono resi responsabili di atti violenti contro il personale o contro l’ordine e la sicurezza interna in una unica Sezione detentiva, il reparto “Tirreno”, creando di fatto ‘una bomba a orologeria’ sempre pronta ad esplodere, come sta succedendo”.
“Sono ormai mesi – spiega il Segretario generale – che il SAPPE ha interrotto i rapporti con l’Amministrazione penitenziaria perché, dopo decine e decine di proteste, mancano i provvedimenti correttivi, a cominciare dall’assegnazione straordinaria di personale per la grave carenza di organico”.

Il Segreratario del SAPPE rivolge “solidarietà e vicinanza al personale di Polizia Penitenziaria di Trapani che, ancora una volta, ha risolto in maniera professionale ed impeccabile un grave evento critico” e giudica la condotta del detenuto che ha provocato le aggressioni “irresponsabile e gravissima”.
Il SAPPE stigmatizza il fatto che il Ministero della Giustizia che non abbia assunto e non assuma provvedimenti a tutela dei poliziotti penitenziari “sempre più spesso aggrediti, minacciati, feriti, contusi e colpiti con calci e pugni da detenuti e, nonostante, senza alcuna tutela reale della propria incolumità fisica personale”.
Il sindacato chiede con forza “tutele e garanzie, nuovi strumenti che migliorino il servizio. come bodycam e taser per assicurare l’ordine nelle carceri e garantire la sicurezza dei poliziotti penitenziari che vi lavorano.

Trapani Baskin Open Day, festa dello sport inclusivo [AUDIO]

Ne abbiamo parlato con Filippo Frisenda,  delegato regionale EISI
"I disagi e il clima di tensione che si vive in azienda sono peggiorati e i lavoratori sono stanchi e disillusi”
Letture ad alta voce e laboratori in biblioteca a partire dal 17 giugno
Con effetto immediato e fino al prossimo 31 dicembre
Ventuno milioni per le famiglie siciliane per gli affitti del 2022
La strada provinciale Valderice - Erice, parte del tracciato di gara, fino al bivio di Martogna, sarà chiusa al traffico dalle 7:30 alle 15:30
Gli eventi prenderanno il via il 10 luglio e si concluderanno il 28 agosto, tutti con inizio alle ore 21:30
Questa domenica va in scena la compagnia "Piccolo Teatro" di Alcamo con "Tintu... cu è ca ci ncagghia"

Due ricette con gli gnocchi

Torna Mangia sano con Federica, il blog della dietista Federica Tarantino

Vita di un conduttore radiofonico notturno

La notte non è fatta solo per dormire e sognare, durante la notte tutto ha un sapore diverso. E la notte la radio ha...

Bentornata Serie A

Riposte bandiere e striscioni, asciugati i sudori, proviamo a riavvolgere il nastro di questa stagione
L'Assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana cofinanzia la produzione
Sul posto Vigili del fuoco, Protezione civile comunale e Forestale
"Decisioni su progetti di grande impatto ambientale devono essere prese con il coinvolgimento delle comunità locali"
Incrementerà la portata d’acqua a disposizione della città di 15 litri al secondo